Rai1, De Girolamo conduttrice. Anzaldi: "Avrebbe dovuto scegliere La7 evitando critiche per sé e marito Ministro"

Il Segretario della Vigilanza si esprime sulle scelte dei palinsesti Rai prossimi venturi. "Nomi discutibili ma la De Girolamo ha visibilità".

pubblicato il 17/06/2020 in Mediatech da Marco Zonetti
Condividi su:
Marco Zonetti
Nunzia De Girolamo con il marito, il ministro Pd Francesco Boccia

Il nostro scoop sulla conduzione di Ciao Maschio, programma di Rai1 in seconda serata dopo Ballando con le Stelle previsto per la prossima stagione televisiva, affidata a Nunzia De Girolamo, ex Ministro dell'Agricoltura nel Governo Letta e moglie dell'attuale Ministro delle Autonomie Regionali Francesco Boccia ha suscitato il commento del Segretario della Vigilanza Rai Michele Anzaldi (Iv) che così si è espresso in un comunicato stampa a proposito degli ingaggi prossimi venturi in Rai: "Se le indiscrezioni sui palinsesti verranno confermate, mi sembra un pacchetto di nomi tutti discutibili perché tutti con delle controindicazioni [...] In questo contesto, obiettivamente, la scelta forse più comprensibile dal punto di vista degli ascolti e di un eventuale job posting che tenga conto della visibilità acquisita è quella di Nunzia De Girolamo".

Illustra così il Segretario: "La De Girolamo è una persona che gli italiani conoscono bene avendo fatto Ballando con le stelle dove è stata scelta come concorrente dall'allora Rai gialloverde. E adesso le verrebbe data una conduzione dalla Rai giallorossa. Detto questo è la moglie di un ministro in carica e io, al posto suo, avrei scelto Cairo, dove il pubblico già la segue da tempo. Una tv commerciale, quindi, che l'avrebbe messa al riparo da sicure critiche personali e, soprattutto, avrebbe messo al riparo il governo di cui il marito fa parte e la sua maggioranza". 

L'On. Anzaldi si esprime anche sul caso di Costanza Esclapon, che abbiamo sollevato qui: "Senza andare a vedere gli incarichi passati in Rai (che già sarebbero da prendere in considerazione visto che il partito di maggioranza ha sempre condannato la Rai del passato) è attualmente consigliera di amministrazione di due grandi aziende, di cui una addirittura diretta concorrente della Rai. Sembra una rivisitazione del famoso film 'Sliding doors'". La Esclapon era fortemente voluta da Monica Maggioni per il suo nuovo programma in onda su Rai1, Sette Storie, in qualità di consulente, una risorsa esterna che si sarebbe andata ad aggiungere a Marcello Sorgi e all'autore Roberto Fontolan. Costanza Esclapon, attualmente nel board di Enel e di Mediaset, ha declinato la proposta della Maggioni proprio per via del conflitto d'interessi. 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password