Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Tutte le informazioni nutrizionali sul Vino!

Una delle prime e più importanti bevande dell'uomo analizzata dai nostri specialisti.

Condividi su:

 

Il vino

Il vino è una bevanda alcolica, ottenuta esclusivamente dalla fermentazione del frutto della vite, l'uva, o del mosto.
Il vino si può ottenere da uve appartenenti alla specie Vitis vinifera o provenienti da un incrocio tra questa ed altre del genere Vitis, come ad esempio la Vitis labrusca o la Vitis rupestris.
In Italia, (ed in tutta la Comunità Europea), non si può commercialmente definire come "vino" il prodotto di fermentazione di uve diverse dalla Vitis vinifera.

 

Processo di produzione


- L’uva viene raccolta, a mano o meccanicamente dalle viti e viene pigiata: si ottiene il mosto.
- Il mosto viene purificato dalle impurità e ne viene corretta l’acidità e la componente zuccherina. Viene raccolto in grandi tini.
- Il mosto, contenuto nel tino, viene lasciato fermentare per un periodo che va da 1 a 10 giorni: lo zucchero si trasforma gradualmente in alcool e anidride carbonica.
Il vino bianco si ottiene dalla fermentazione del mosto separato dalle vinacce e filtrato, mentre nel rosso queste non vengono separate.

 

Indicazioni nutrizionali

Queste sono le caratteristiche nutrizionali del vino, secondo la banca dati INRAN:

Valori nutrizionali
(100g)
Vino ROSSO Vino BIANCO LARN*
Valore energetico: kcal
                              kj
75
314
70
293
2000
8380
Proteine (g) 0 0 75
Carboidrati (g)
di cui zuccheri (g)
0
0
0
0
290
70
Grassi (g) 0 0 65
Alcol (g) 10,7 10 -
Acqua (ml) 89,2 89,8 2000

 

Sostanzialmente il vino contiene acqua e alcol più qualche minerale in bassissime quantità: ogni grammo di alcol apporta 7kcal!

I solfiti sono sostanze prodotte naturalmente durante la fermentazione alcolica; per questo motivo non esiste alcun vino completamente privo di essi. Talvolta, inoltre, i solfiti vengono aggiunti industrialmente sotto forma di anidride solforosa (SO2) per preservare il vino nelle diverse fasi della vinificazione. Poiché i solfiti sono allergenici e tossici, da alcuni anni, la legge obbliga a riportare la dicitura “contiene solfiti” su tutti quei prodotti in cui essi sono presenti in concentrazioni maggiori al 10 mg/litro.

Il pregio del vino consiste nella sua ricchezza di polifenoli, come i flavonoidi, i quali hanno un elevato potere antiossidante. Il vino inoltre contiene resveratrolo, il quale oltre che ad avere un potere antiossidante, è un antinfiammatorio, antitumorale e fluidificante del sangue.
In parole povere il vino protegge dall’invecchiamento cellulare e riduce l’insorgenza di malattie cardiovascolari.

 

Consigli utili

E’ famoso il paradosso francese, ovvero il fatto per cui la popolazione francese, la quale ha una alimentazione ricca di grassi saturi, più simile a quella statunitense piuttosto che a quella mediterranea, ha un’incidenza di malattie cardiovascolari nettamente inferiore rispetto alla popolazione statunitense. Questo vantaggio salutistico è stato attribuito proprio al consumo di vino, prodotto di cui i francesi sono forti utilizzatori!

In definitiva il nostro consiglio è quello di bere al massimo mezzo bicchiere di vino a pasto per le donne ed 1 per gli uomini: in occasione di feste o date particolari, se vi capita di superare questa dose, vi suggeriamo nei giorni successivi di evitarne il consumo.

Per questa bevanda però non funziona il concetto se poco fa bene, tanto fa ancora meglio; infatti, se il consumo moderato di vino risulta favorire la riduzione delle malattie cardiovascolari, la stessa cosa non vale nel momento in cui se ne beva in quantità eccessive. Le grandi quantità di alcol introdotte tramite un consumo smodato di questa bevanda possono provocare danni al fegato, avitaminosi, infiammazione a carico dei distretti del tubo digerente o tumori al tubo digerente e cardiopatia alcolica.

Ricordiamo infine che l’utilizzo del vino nelle preparazioni culinarie non deve destare le stesse preoccupazioni in quanto, in cottura, l’alcol evapora lasciando alle nostre pietanze solamente sapori ed odori.

Per qualsiasi curiosità o per richiedere informazioni aggiuntive non esitate a contattarci!

A cura di:
Angelo Viticchiè
Dottore in Alimentazione e Nutrizione Umana
angelo.viticchie@healthy-italia.it

Maria Giovanna Carla Cassina
Dottoressa in Alimentazione e Nutrizione Umana
giovanna.cassina@healthy-italia.it

Condividi su:

Seguici su Facebook