Inchiesta sulla compravendita dei diritti televisivi sul calcio

La sede della Lega Calcio e di alcune società di A e B sono nel mirino della Procura di Milano

pubblicato il 13/10/2015 in Sport da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Sottoposte  perquisizioni della Guardia di Finanza la sede della Lega Calcio e di alcune società di A e B.   La procura di milano ha ipotizzato il  reato di: turbativa d'asta, turbata libertà degli incanti e ostacolo all'attività degli organi di vigilanza, in relazione alla compravendita dei diritti televisivi.

Pare che alcune società avrebbero creato un 'cartello occulto' per garantirsi la parte più rilevante dei diritti sportivi. Iscritti nel registro degli indagati di Marco Bogarelli, presidente di Infront, consigliere della Lega calcio.

Ostacolo agli organi di vigilanza in merito alle  perquisizioni in alcune società di calcio di A e B, nei confronti della Covisoc, la Commissione per la vigilanza e il controllo delle società di calcio professionistiche.  Sarebbero stati gonfiati gonfiati alcuni dei bilanci di alcune società , perché fossero  ammesse ai campionati. 

Tra i  perquisiti Enrico Preziosi, presidente del Genoa,  che si dice tranquillissimo  e afferma di avere bilanci tracciabili , e di aver fatto operazioni semplici e chiare e si dichiara disposto a dare qualsiasi chiarimento sia necessaria alla procura.   

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password