Le super batterie in alluminio del futuro

Ricaricano i cellulari in un minuto

pubblicato il 08/04/2015 in Scienza e Tecnologia da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

Nell'era degli smartphone e dei pc la scienza ci aiuta a rendere la nostra quotidianità più semplice possibile. Arrivano infatti le nuove batterie in alluminio in grado di ricaricarsi in un minuto, più ecologiche e che durano più a lungo di quelle attuali alcaline ed a litio. Grazie a questa scoperta di un gruppo di ricercatori californiani, il tempo di un caffè e il nostro smartphone sarà di nuovo al top per giocare, chattare e guardare video. 
 

A chi non è mai capitato di uscire di casa di fretta ed accorgersi di avere la batteria del pc o dello smartphone off? Magari è successo proprio durante un viaggio in treno noiosissimo oppure mentre dovevate chiamare per un'urgenza. Tranquilli, nel futuro prossimo non ci sarà più questo problema.
I ricercatori dell'Università californiana di Stanford hanno condotto uno studio riuscendo a costruire delle nuove super batterie in alluminio. Il coordinatore della ricerca è il chimico Hongjie Dai, questo ha spiegato alla rivista Nature come si è arrivati alla costruzione delle nuove batterie in alluminio. Il prototipo riprodotto a Stanford ha l'elettrodo negativo (anodo) in alluminio e quello positivo (catodo) in grafite. I due elementi sono stati messi in una soluzione salina a temperatura ambiente dentro un polimero flessibile che fa da conduttore (elettrolita).

Si è scoperto che queste batterie, rispetto a quelle alcaline ed a litio, riescono a durare molto più a lungo, sono più "verdi" ed inoltre si ricaricano in un tempo ridotto, ovvero un minuto. Il problema è che per ora la nuova batteria di alluminio raggiunge solo i 2 volt, ma la cosa importante è che l'alluminio non è difficile da reperire e quindi è un prodotto economico che non comporta eccessivi costi per il suo perfezionamento. Non ci resta che aspettare alcune modifiche del prodotto e la sua successiva commercializzazione.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password