Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Herpes: ricercatori britannici scoprono la causa del sarcoma di Kaposi

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista PLoS Pathogens

Condividi su:

Oggi, esiste un tipo di herpes virus (HHV8), che si ritiene provochi una forma di cancro nota con il nome di sarcoma di Kaposi, un tipo di cancro raro e difficile da curare. Si manifesta con gravi lesioni a carico della cute, delle mucose e degli organi interni. Viste le caratteristiche della malattia, i ricercatori sono sempre al lavoro per trovare una cura definitiva e in questo senso c'è la scoperta da parte di un team di scienziati britannici, che ha trovato in una proteina un possibile bersaglio. Il traguardo finale dello studio, che ha trovato spazio sulla rivista PLoS Pathogens, è stato condotto dai ricercatori dell’Università di Manchester e dimostra come una proteina delle cellule dirottate dal virus herpes assuma una struttura che assomiglia a degli spaghetti. La ricerca fornisce la prima intuizione molecolare di come l'RNA dell’herpes virus, un tipo di molecola che aiuta a decodificare lo schema generico di un virus, viene trasferito tra proteine virali e cellulari, aiutando così il virus a dirottare una cellula.

«Per sopravvivere, i virus  – spiega il dottor Richard B. Tunnicliffe – hanno bisogno di risorse e strumenti all’interno di una cellula ospite. Abbiamo sviluppato una nuova tecnica che rivela come le molecole flessibili lavorano insieme. Questo ci ha permesso di avere un assaggio di come il virus è in grado di compromettere il funzionamento della cellula che infetta». Nei loro studi, finanziati dal Consiglio di Ricerca Biotecnologie e Scienze Biologiche, il team di ricerca ha elaborato una nuova metodologia che ha rivelato esattamente come le proteine flessibili interagiscono tra loro e con l’RNA. Gli scienziati, in questo caso, hanno utilizzato un virus dell’herpes che si trasmette unicamente tra scimmie scoiattolo, strutturalmente molto simile ai virus che causano il sarcoma di Kaposi negli esseri umani. La comprensione di come i virus della scimmia si comportano può aiutare a trovare modi per prevenire questo tipo di cancro negli esseri umani. «Purtroppo, attualmente non vi è disponibile alcun trattamento antivirale efficace per sopprimere la replicazione virale in modo abbastanza efficiente, – ha dichiarato il dott. Alexander Golovanov, dell’Istituto di Biotecnologie e Facoltà di Scienze della Vita a Manchester.- Trovare un punto debole del virus, che può essere usato per prevenire il sarcoma di Kaposi in futuro, sarebbe pertanto un significativo passo avanti».

Condividi su:

Seguici su Facebook