Pioggia di denunce su Rosy Bindi

Vincenzo De Luca, Sandra Lonardo Mastella e Luciano Passariello hanno denunciato Rosy Bindi per diffamazione

pubblicato il 03/06/2015 in Politica da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Il più arrabbiato di tutti è certamente  il candidato Campano Vincenzo De Luca, il cui caso è rimbalzano sulle pagine dei giornali per giorni.   E' uscito vittorioso ma a causa della legge Severino non può ricoprire la sudata carica e adesso querela  Rosy Bindi.  De luca ha infatti ha richiesto alla Procura di Roma di procedere nei confronti della parlamentare per diffamazione, attentato ai diritti politici costituzionali, abuso d'ufficio. Abuso di ufficio e  concussione sono le imputazioni che hanno portato lo stesso De Luca alla condanna di un anno e conseguentemente alla sua imprensentabilità.  

Rosy Bindi risponde definendo questa denuncia "strumentale". La presidente della commissione antimafia viene difesa anche dal vicepresidente della commissione Claudio Fava, che dichiara "La denuncia di De Luca nei confronti di Rosy Bindi, oltre che un atto di grossolana volgarità, è una di quelle querele temerarie che il Parlamento si appresta a sanzionare come atti palesemente ritorsivi e intimidatori".

Per Fava una querela del genere è solo un modo per fare spettacolo e distrarre l’opinione pubblica dal centro del problema per altro indiscutibile: De Luca non può governare la Campania a causa della legge Severino , non certo per iniziativa di Rosy Bindi

Altre denunce per la Bindi arrivano anche da Sandra Lonardo Mastella, candidata in Campania con Forza Italia e non eletta. Anche per la Lonardo Rosy Bindi ha abusato del suo ruolo istituzionale e dovrebbe dimettersi e per finire denuncia per diffamazione da parte di   Luciano Passariello, neo eletto consigliere regionale campano con Fratelli d'Italia.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password