Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Grillo: "Renzi come il pilota della Germanwings"

Dal suo blog Grillo paragona Matteo Renzi al copilota dell'A320

Condividi su:

"Ci sono inquietanti analogie tra Andrea Lubitz, il copilota dell'Airbus A320 della Germanwings che si è schiantato sulle Alpi francesi, e Matteo Renzie che sta schiantando l'Italia. Si tratta in entrambi casi di uomini soli al comando".Questo il testo del post della discordia che ha suscitato tanto clamore dal blog di Beppe Grillo, con l’hashtag  #FermiamoRenzie"  e una foto dove  si mostra Renzi alla guida di un aereo  della Germanwings identico a quello che si è frantumato  sulle Alpi dell’Alta Savoia con  150 passeggeri  a bordo.

Un paragone forte che Grillo usa per criticare in modo più che diretto il premier : "Entrambi si sono chiusi dentro eliminando ogni interferenza esterna. Dall'interno della cabina di pilotaggio Lubitz ha azionato il cockpit door, Renzie ha eliminato il Senato e ogni opposizione interna e ridotto il Parlamento a un ratificatore di decreti legge. I passeggeri dell'Airbus hanno capito solo all'ultimo che il copilota li stava portando al disastro, dopo otto lunghi minuti. L'Italia lo capirà anch'essa all'ultimo, quando non ci sarà più niente da fare. Un uomo solo al comando lo si è già visto in passato e non è stato un bello spettacolo"

Il post prosegue:"In Francia si è notata la commozione della Merkel abbracciata a Hollande, due personaggi che piangeranno in futuro lacrime di coccodrillo se l'Italia andrà in default per pagare gli interessi sui titoli pubblici comprati dai loro Paesi". Fermiamo Renzie finché siamo in tempo e evitiamo che dopo aver chiuso all'esterno il Senato si faccia una legge elettorale ad hoc per pilotare l'Italia a suo piacimento. Se lo lasciamo fare non ci saranno superstiti, ma soltanto morceaux".  Grillo conclude: "Una differenza tra il copilota e l'ex sindaco di Firenze comunque c'è: il copilota era depresso, ma non i passeggeri. Renzie non è depresso, ma lo sono gli italiani".

Condividi su:

Seguici su Facebook