Referendum in Svizzera, prevale il 'sì' al tetto per gli immigrati

L'approvazione della proposta dell'ultradestra passa con il 50,3% dei voti

pubblicato il 09/02/2014 in Politica da Angela Menna
Condividi su:
Angela Menna

In Svizzera, si è tenuto il referendum contro l’immigrazione di massa. A rischio, il lavoro dei frontalieri (anche italiani) e le relazioni tra Berna e Bruxelles. Il testo dell’iniziativa popolare proposta dall’Udc, il partito di ultradestra che da anni si spende in campagne anti-immigrazione e contro i lavoratori frontalieri, prevede, infatti, la rinegoziazione degli accordi sulla libera circolazione delle persone entro tre anni da oggi. La novità che riguarda più da vicino i 65mila frontalieri italiani che lavorano ogni giorno in Svizzera, è quella scritta nel terzo comma del nuovo articolo 121 della Costituzione Federale, che prevede l’introduzione di “tetti massimiannuali e contingenti annuali per gli stranieri, che esercitano un’attività lucrativa” sul territorio elvetico. Tetti massimi che devono essere stabiliti in funzione degli interessi globali dell’economia svizzera e nel rispetto del principio di preferenza agli Svizzeri. I “sì” hanno ottenuto la doppia maggioranza necessaria, incassando sia il favore della maggioranza dei Cantoni, sia la maggioranza dei voti validi. Il risultato è rimasto incerto sino all’ultimo minuto, in un continuo rincorrersi di dati e analisi. Alla fine, il conteggio si è fermato sul 50,3 a 49,7, con meno di 20mila voti di scarto. Il referendum è passato nonostante il parere negativo del Consiglio federale, che si era espresso per una bocciatura della proposta, spiegando che l’immigrazione contribuisce in misura considerevole al benessere della Svizzera e che l’introduzione di tetti massimi comporterebbe ingenti oneri burocratici per lo Stato e le imprese. Dunque, l’iniziativa potrebbe segnare la fine della libera circolazione delle persone e degli altri accordi conclusi con l’Unione europea nel quadro degli accordi bilaterali. Sebbene il governo elvetico abbia messo in guardia i cittadini sul pericolo rappresentato da una vittoria dei sì, ha vinto la posizione di chi vuole rendere più difficili gli ingressi e regimentare anche i permessi di lavoro. Il 'no' ha prevalso, con quote differenti, in tutti cantoni di lingua francese e nel canton Zurigo. In tutto il resto della Svizzera hanno vinto i sì. La regione dove l’iniziativa ha riscosso maggior successo è proprio il Canton Ticino, quello di lingua italiana. Qui, dove i frontalieri italiani sono stati dipinti come dei ratti nelle campagne a sostegno del referendum, i 'sì' hanno letteralmente sbancato. Si sono fermati sotto al 70%. È il segno del peso della campagna denigratoria, messa in campo dai sostenitori del referendum, che non si sono fatti scrupolo di fare leva sugli istinti più bassi per portare a casa il risultato. Gli effetti non saranno immediati, ma entro tre anni, il governo federale dovrà rinegoziare gli accordi bilaterali con l’Unione Europea e introdurre il contingentamento dei posti di lavoro per i frontalieri. Oggi, sono 65658 gli italiani che lavorano regolarmente in Svizzera, con un incremento del 4,7%, rispetto all’anno scorso. C’è da aspettarsi che, in futuro, il trend attuale subirà un’inversione di tendenza, determinando una graduale diminuzione delle presenze straniere nella Confederazione.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password