Lino Ricchiuti (P.P.I.): “Difendiamo il diritto a non farci massacrare”

Nota stampa da diffondere in rete

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 12/06/2016 in Politica da Paolo Ambrogi
Condividi su:
Paolo Ambrogi

“I tempi sono maturi, preannunciando l’organizzazione di un meeting nazionale del Popolo delle Partite Iva  - bisogna urgentemente affrontare a livello parlamentare tematiche non più rinviabili come quella sulla usura bancaria, troppe le perizie che mettono in evidenza questo reato penale da parte di alcuni istituti bancari”. È quanto si legge in una nota stampa diffusa da Lino Ricchiuti presidente nazionale del movimento politico Popolo Partite Iva -  per approfondire le dinamiche di un sistema che sta compromettendo la stabilità già precaria delle piccole imprese.

“È necessario soprattutto far capire al Popolo delle Partite Iva, quelli che rischiano sulla propria pelle, che non devono aver paura, si tratta semplicemente di difendere il sacrosanto diritto di non farsi massacrare. Qui la questione è politica, qualcosa non torna: l’intera area dei lavoratori autonomi sembrerebbe la si voglia affossare definitivamente utilizzando ogni mezzo. Vorrei capire inoltre , come vengono programmati gli accertamenti tributari che portano inevitabilmente a ricevere le cartelle di Equitalia e dove una norma vergognosa impone di pagare subito il 30% per poi avere la possibilità di fare ricorso , la mia presenza in Senato comunicata alla segreteria nazionale il 21 giugno P.V. sarà quella di coinvolgere parlamentari per una rapida azione comune e invito tutti a diffondere questa nota stampa. Oggi più che mai abbiamo bisogno del sostegno di tutti i colleghi lavoratori autonomi  “ .

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password