Paco Ruggiero: “From Naples to Persia”

12 giugno, Piazza Duomo - Caserta Vecchia

pubblicato il 13/05/2015 in Musica e spettacolo da Concita Occhipinti
Condividi su:
Concita Occhipinti

Il progetto Paco Ruggiero From Naples to Persia rappresenta la fusione tra la canzone napoletana e le sonorità appartenenti alle tradizioni popolari dei paesi del sud. La band e il suo carismatico leader ne propone una versione intrigante anche attraverso stili, mezzi e personalità diverse che si plasmano in un unico spettacolo dai toni caldi di ispirazione mediterranee ed orientali, capaci di suscitare interesse e approvazione in quanti ad esso si accostano. Il susseguirsi di brani appartenenti alla più classica tradizione partenopea fa da traino per un pubblico già affezionato al genere, ma gli stili adottati negli arrangiamenti, unitamente alla comprovata e frizzante capacità artistica degli esecutori, stimolano ed incuriosiscono anche il potenziale spettatore abitualmente attratto da generi musicali nuovi e diversi.

Ma chi è Paco Ruggiero?

Paco Ruggiero è un musicista polistrumentista, cantautore, arrangiatore e interprete campano. Si avvicina allo studio del pianoforte all’ età di 5 anni. A 8 si esibisce nel suo primo concerto classico con la guida del maestro russo Joseph Grima , nel conservatorio della capitale partenopea , il celebre San Pietro a Majella. Sviluppa contemporaneamente una passione smodata per il teatro, ambiente che lo vede protagonista come musicista e arrangiatore di musical, recital e commedie. Le prime esperienze lavorative e formative cominciano con esibizioni in locali, cerimonie e feste di piazza, fino a giungere alla prima importantissima tappa che lo vede affiancare la voce simbolo della tradizione musicale partenopea, il maestro della canzone Roberto Murolo.

Da qui partono numerose collaborazioni artistiche e tour con Eugenio ed Edoardo Bennato, Pietra Montecorvino, Enzo Gragnaniello, Franco Fasano, Claudio Baglioni, Annalisa Minetti, John Joe Kelly, Maria Pomianoswka (direttore artistico del più importante festival di world music a Cracovia), EllikaFrisell(violinista di fama mondiale, con all’attivo un album vincitore del BBC Music Award),Erasmo Petringa, Teddy Reno, Lucia Cassini fino al produttore dei Pink Floyd, Ian Smith. Nel ’98 si esibisce al Quirinale nello spettacolo teatrale “Un’ora al San Carlino”, con scenografie di Bruno Garofalo e regia di Angiolina Campanelli. Insieme ai fratelli Bennato è voce della colonna sonora del film d’animazione “Totò sapore e la magica storia della pizza(Medusa film-2003). Partecipa alla realizzazione dell’album “Concerto per Scia Scià”, (produzione artistica di Enzo Gragnaniello), con la straordinaria partecipazione del premio Nobel Dario Fo che ha prestato la sua solenne e atavica voce a gran parte dei brani contenuti nel disco. Rielabora tutta la sezione Musica del musical “Quartieri spagnoli” di Gianfranco Gallo in scena al teatro Totò di Napoli e nei maggiori teatri della Campania . Direttore artistico del Limatola festival e del Radio Tour Festival. Come autore vince due volte il premio Mia martini (2005-2006). Si aggiudica nell’aprile 2014 il secondo posto al Festival di Napoli col brano “Sta libertà”, contenuto nel disco in uscita “From Naples to Persia”. In occasione del compleanno di Sua Santità Papa Francesco scrive, arrangia ed esegue in piazza San Pietro il tango “Porta il nome di Francesco” durante il quale ballano circa dodicimila coppie giunte da ogni parte del globo. Il lavoro discografico attualmente in uscita lo vede protagonista come interprete, arrangiatore, musicista in un disco completamente dedicato a brani celebri della tradizione classica napoletana, disco che ospita gli amici di sempre, Erasmo Petringa, Massimo Di Cataldo,Gianfranco Gallo, Fausto Mesolella e Francesco Cicchella, voce portante del programma “Made in Sud”, con il quale è in tour da quest’anno.  

 

 

Gianni Genovese Management

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password