Argentina, nasce nuovo osservatorio socio-politico su Italia

Per studiare dinamiche economico-culturali italiane

pubblicato il 13/05/2015 in Dal Mondo da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
La cattedrale di La Plata

La Plata. Capoluogo della provincia di Buenos Aires, a circa sessanta chilometri a sud-est dalla capitale argentina.

Settecentonovantamila abitanti: una metropoli, curiosamente gemellata, oltre che con Bologna dal 1988 per motivi universitari (la Docta urbs ha il suo corrispettivo in suolo albiceleste proprio nella città che è sede di uno dei più importanti atenei dell’Argentina), con altre due città italiane assai distanti da quella felsinea per importanza culturale e grandezza demografica: parliamo di Latina, il secondo più giovane capoluogo d’Italia e seconda città del Lazio per numero di abitanti, e di Bivongi, milletrecentosettantotto anime in provincia di Reggio Calabria. Con Latina il gemellaggio è attivo dal 2013, con il piccolo comune calabrese dall’anno precedente.

Segni tangibili, al di là di tutto, di un legame molto approfondito e diversificato con la cultura e l’umanità italiane (senza dimenticare che la comunità degli italiani è storicamente sempre molto popolosa laggiù in Argentina). Non è un caso, dunque, che proprio a La Plata sia sorto un nuovo Centro di studi italiani, che avrà l’ obiettivo, come si trova espresso nella dichiarazione fondativa,  di “approfondire, mediante congressi, seminari e sessioni di dibattito,  l’analisi delle realtà e delle  dinamiche politiche, economiche, sociali e culturali dell’Italia, con un particolare riferimento alle relazioni Italia-Argentina e Italia-America Latina”.

Il progetto del nuovo istituto sottintende evidentemente l’attuazione di un “gemellaggio” forte con una serie di enti ed istituzioni italiane.    

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password