Nessun accordo tra scuola e governo

Susanna Camusso ha annunciato che il mondo della scuola continua la mobilitazione

pubblicato il 13/05/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Si arriverà addirittura al blocco degli scrutini, tanto è il clima teso tra governo e mondo della scuola. Una scelta che  il sottosegretario Claudio De Vincenti  non esita a commentare " Un'iniziativa del genere sarebbe irresponsabile perché colpirebbe unicamente studenti e famiglie"  

Ribatte Susanna Camusso: “ È da irresponsabili pensare che si cambi la scuola senza avere il confronto e la condivisione col mondo della scuola" Tra le note positive l’impegno strappato dai sindacati di un ulteriore incontro con il ministri  Boschi, Giannini e Madia ma non si spera molto.  Si sa già che in questa ultima riunione  non si arriverà  all’accordo sperato.

Al momento "le modifiche che sono state introdotte in Parlamento non sono sufficienti perché non rimuovono i punti critici che noi non condividiamo", ha spiegato la segretaria Cisl Annamaria Furlan. Va giù deciso il  leader Uil Carmelo Barbagallo "È come se avessimo ancora una pistola puntata alla tempia"  I motivi del contendere sono sempre i soliti:   la questione dei precari.  Al momento centomila precari hanno avuto soddisfazione ma non gli altri  80mila.   La seconda questione è quella della collegialità, si chiede l’abolizione  del preside manager.

I sindacati minori, molto agguerriti,  annunciano un sicuro blocco degli scrutini come  dichiara Marco Paolo Nigi, segretario dello Snals-Confsal e il portavoce di Cobas Piero Bernocchi chiosa "La valutazione è assolutamente negativa perché non c'è alcuna intenzione di cambiare posizione"
Matteo Renzi procede con  il dialogo  su Twitter rispondendo ai cittadini che gli rivolgono domande e chiedono  chiarimenti sul delitcato tema Scuola.  

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password