Stasera la seconda puntata de “I Medici”

La grande coproduzione internazionale Rai Fiction – Lux Vide, Big Light Productions e Wild Bunch TV pronta a ripetere il successo di sette giorni fa tra intrighi, drammi familiari e congiure di palazzo

pubblicato il 25/10/2016 in Musica e spettacolo da Elisabetta Failla
Condividi su:
Elisabetta Failla
Richard Madden, Cosimo de' Medici

Ancora poche ore di attesa e molte curiosità cominceranno ad essere soddisfatte. Alle 21.15 su Rai1 va in onda il secondo attesissimo appuntamento con “I Medici” che al debutto martedì scorso, preceduto da un battage senza precedenti per l’Azienda di Viale Mazzini, ha tenuto incollati al video ben 7.562.000 telespettatori (share del 29.9%) stracciando la concorrenza di Canale 5 fermatosi “soltanto” a 5.539.000 spettatori (share 20.3%) pur proponendo l’incontro di Champions League Lione-Juventus poi vinto dai bianconeri per 1-0.

In particolare il primo episodio della grande coproduzione internazionale in prima visione mondiale targata Rai Fiction – Lux Vide, Big Light Productions e Wild Bunch TV, intitolato Il Peccato Originale, è stato visto da 8.037.000 spettatori (28.9%) e il secondo, La Cupola e la Dimora, da 7.143.000 (31.1%). Ma davanti agli intrighi di palazzo, ai drammi familiari e agli amori capaci di far ardere di passione anche i più cinici e smaliziati conduttori di una famiglia potentissima e senza scrupoli quale quella fiorentina non c’è stata proprio partita come verrebbe da dire continuando il paragone calcistico.

Dunque stasera si riparte con i Medici che si rifugiano in campagna per evitare il contagio dalla peste nera con il quale si era conclusa la prima puntata, ma Marco Bello (Guido Caprino) rimane a Firenze per indagare sulla famiglia Corona che pare coinvolta nell’omicidio di Giovanni (Dustin Hoffman). Poco dopo aver fatto irruzione nel loro palazzo, scoprendo che sono tutti stati uccisi dal morbo, Marco apprende anche che alcuni uomini stanno smontando la cupola pezzo per pezzo: Rinaldo Albizi è riuscito infatti a fomentare il popolo contro Cosimo (Richard Madden) e il suo progetto di finire la cattedrale accusandolo di usura. Quando viene a conoscenza della situazione, Cosimo decide di tornare a Firenze nonostante la madre Piccarda (Frances Barber) abbia contratto la peste. Cosimo riesce a salvare la cupola in costruzione trasformando Santa Maria del Fiore in un lazzaretto.

Nel frattempo però muoiono Piccarda e il bambino che Lucrezia (Valentina Bellè) portava in grembo, mentre Albizi trova un espediente per arrestare Cosimo e mandarlo a processo con l’accusa di volersi fare tiranno di Firenze. Lorenzo pensa a un’azione di forza, ma dal carcere Cosimo chiede a Contessina (Annabelle Scholey) di provare a corrompere un membro della Signoria per comprare dei voti a suo favore. Piero (Alessandro Sperduti) invece cerca di trovare prove che scagionino il padre dall’accusa di usura. Ma la situazione peggiora quando Albizi inizia ad avvelenare il cibo di Cosimo tramite il suo carceriere. All’improvviso Lorenzo compare alle porte di Firenze con un esercito: lui e il condottiero Sforza sono pronti a dar fuoco alla città se Cosimo non sarà liberato. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password