"Code Felici di Roma, un rifugio firmato dalla campionessa Maria Marconi!!"

Da piccola? Innamorata delle mie Barbie!!

pubblicato il 12/02/2015 in Interviste da concita occhipinti
Condividi su:
concita occhipinti

Chi è Maria Marconi?

Maria Elisabetta Marconi (Roma, 28 agosto 1984) è una tuffatrice italiana.

È la sorella minore di Nicola e Tommaso Marconi, anch'essi tuffatori. È tesserata con la S.S. Lazio Nuoto. Ha vinto una medaglia di bronzo nei tuffi sincronizzati dal trampolino 3 m, in coppia con la bolzanina Tania Cagnotto, agli Europei di Berlino 2002. Nel 2006 ai Campionati europei di Budapest vince un bronzo individuale dal trampolino 1 m. Partecipa alle Olimpiadi di Pechino 2008.

Il 3 aprile 2009 ai campionati europei di tuffi di Torino, ha vinto l'argento nella finale del trampolino da un metro dietro alla connazionale Tania Cagnotto, sancendo così una storica doppietta per l’Italia. Tania ha chiuso la gara con il punteggio di 290,90, Maria con 280,20. Ai campionati mondiali di Roma 2009 dopo aver disputato una bella semifinale conclusa al 5º posto nella gara del trampolino da 1 m raggiunge un bel 6º posto con un punteggio di 268,80. Ai mondiali di Shanghai del 2011 nella finale del trampolino da tre metri raggiunge il quarto posto, superata all'ultimo tuffo proprio dalla connazionale Tania Cagnotto.

Il 20 giugno 2013 agli europei di Rostock ottiene un nuovo quarto posto dai tre metri, mentre un mese dopo, il 21 luglio 2013, ai mondiali di Barcellona, manca la qualificazione alla finale da un metro a causa di un errore nell'ultimo tuffo, chiudendo in 23ª posizione. Il 20 agosto 2014 agli europei di Berlino ottiene nuovamente un quarto posto dal trampolino da un metro con il punteggio di 285.50.

L'Intervista a Maria!

Cosa vuol dire per te essere una sportiva?

Beh per me essere sportiva significa essere sempre in movimento e iperattivi,nonche ' avere sempre degli obiettivi da perseguire anche se non si e per forza in competizione.

Cosa ti spinge a continuare questa passione?

Come e' scritto nella domanda e' la passione che mi porta a continuare . I tuffi sono con me da quando ho 6 anni e non saprei cosa fare senza. Anche se prima o poi dovro affrontare anche la scoperta di una nuova passione.

Il tuo primo giocattolo qual è stato e quale pensiero ti viene in mente ricordandolo?

Amavo le Barbie da brava femminuccia. Mi ricordo che mio papa' veniva a premdermi all asilo o alle elementari e se ero stata brava da dietro la schiena tirava fuori una Barbie sempre nuova e mi diceva " Questa te la manda la maga delle Barbie". E io ero sempre super felicissima!!!

Qual è la prima parola che dici appena sveglia?

Non parlo quasi per niente appena alzata, ma leggendo la domanda mi vien da ridere perche proprio l altro giorno mi son svegliata dicendo Ohhhmammaaaanoncelafaccioooo..

Chi ringrazieresti per il successo ottenuto?

Un ringraziamento particolare lo faccio in primis a mia madre e mio padre che mi hanno fatto crescere con l idea di non dover mollare mai, di continuare finche non avessi raggiunto i miei obbiettivi e l idea che le cose o si fanno bene o non si fanno per niente. Il mio allenatore merita un altro grande ringraziamento perche non ha mai smesso di credere in me e di darmi sempre la spinta per dare il massimo. E poi vengono anche i miei fratelli che mi hanno sempre dato il loro sostegno.

Se tornassi indietro cosa non rifaresti?

Tutto quello che ho fatto lo rifarei perche mi è servito per diventare la persona che sono adesso.

Mamma e papà quanto hanno influenzato le tue scelte da adulta?

I miei genitori diciamo che cercano di indirizzarmi verso le scelte migliori,non mi influenzano,cercano di farmi ragionare sulle scelte da fare. E cio' ovviamente e' avvenuto snche quando ero piccola.

Qual è la tua città d'origine?

Sono nata e cresciuta a Roma e ci vivo tutt ora. Ho girato svariate citta' ma sempre a Roma tornerei e vivrei!!

Un pensiero a...................

Un pensiero alle persone che mi vogliono bene, che mi stimano e che mi incoraggiano sempre a fare di più e al meglio!

Parlami del tuo ultimo "progetto"

Devo dire che il mio ultimo progetto importante è stato quello di creare una linea di pupazzetti e magliette con Boneswimmer con la scritto IO NON LO ABBANDONO. Il progetto è nato per il mio amore e la mia volontà di aiutare i cani e tutti gli animali. Con il ricavato della vendita di questi gadget ho potuto comprare per il rifugio Code Felici di Roma e per il Canile di Varese molte cose utili come cibo cuccie semplici coperte e medicine.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password