Blitz delle forze speciali in Turchia: morto ostaggio e due sequestratori

Esplosioni e spari nella Procura Generale, terroristi neutralizzati

pubblicato il 31/03/2015 in Dal Mondo da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino
Courtesy Emergenza24

Si è concluso poco fa con un assalto da parte dei gruppi speciali della Polizia turca il sequestro e l'assedio della Procura Generale di Istanbul.


L'entrata nel Palazzo di Giustizia della capitale turca dei corpi speciali in serata ha messo la parola fine al sequestro di alcuni uffici e del personale presente, perpetrato nella mattina da parte del Dhkp-c , un gruppo militante di estrema sinistra turco.

Obiettivo designato dei militanti era il Magistrato Mehmet Selim Kiraz , allo scopo di ottenere la confessione pubblica da parte dell'agente responsabile della morte di un minorenne durante le manifestazioni di Gezi Park.

Questo fino all'irruzione del gruppo speciale della polizia, durante il quale il Magistrato è rimasto gravemente ferito e due sequestratori uccisi. Un'ambulanza, scortata massicciamente, si è allontanata dalla scena, probabilmente proprio con il giurista a bordo.

Mehmet Selim Kiraz è morto in ospedale per le gravi ferite riportate, secondo quanto annunciato da funzionari governativi. 

Dopo il blitz delle forze speciali la Polizia turca ha anche caricato con autoidranti e lacrimogeni il folto gruppo di manifestanti che si era accalcato nel tempo davanti al palazzo, per manifestare solidarietà ai responsabili del sequestro.

Ancora incerto il numero di morti e feriti, data la confusione e sopratutto il silenzio stampa, imposto dalle Autorità turche nel pomeriggio.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza