Auto contro passanti a Gerusalemme: un morto e nove feriti

Deceduta una bambina di tre mesi, l'autista ferito dalla Polizia e catturato

pubblicato il 22/10/2014 in Dal Mondo da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino
courtesy E24

Tragico pomeriggio in Israele a Gerusalemme, dove un'auto è piombata su alcuni passanti in attesa ad una fermata della metropolitana di superficie, causando una vittima e almeno nove feriti. Teatro del grave episodio la fermata del quartiere di Sheikh Jarrah, noto anche come “Collina delle munizioni”, dove una piccola folla era in attesa per l'arrivo del treno metropolitano, quando un'auto condotta da un ventenne palestinese, Abd Al-Rahman Shaloudi, è finita contro i pendolari finendo la sua corsa poco distante. Nel violento urto ha perso la vita una bambina di tre mesi, dopo una disperata corsa all'ospedale e altri otto passanti sono rimasti gravemente feriti insieme all'autista, che dopo lo schianto ha abbandonato il veicolo ma è stato raggiunto dai proiettili degli agenti di Polizia sopraggiunti dalla stazione ed ora si trova ricoverato in gravi condizioni. Un portavoce della Polizia ha parlato di “attacco terroristico”, anche in forza del fatto che la metropolitana di superficie è stata in passato oggetto di altri attacchi simili e che l'autista palestinese è stato arrestato tre volte per “reati contro la sicurezza”,  ma testimoni oculari dell'accaduto hanno parlato di “incidente automobilistico”, smentendo anche molti media israeliani che hanno di fatto immediatamente parlato di un attacco terroristico, come il premier israeliano Benjamin Netanyahu, che ha lanciato accuse contro il suo collega palestinese Abu Mazen, da esso considerato come principale “agitatore di queste efferate azioni contro Israele”. Il treno metropolitano leggero è da tempo al centro di sabotaggi e proteste perché visto da molti palestinesi come simbolo dell'unificazione della città sotto Israele ma lo stesso quartiere, dove fino al 1967 passava la cosidetta “linea verde” che divideva Gerusalemme tra est e ovest, è da tempo al centro di sollevazioni palestinesi, sfociate in duri confronti con le forze di sicurezza israeliane.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password