Juventus, nuova sconfitta in Champions

Bianconeri battuti di misura ad Atene

pubblicato il 23/10/2014 in Sport da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Michel (allenatore Olympiakos)

Dopo la batosta subita in casa dalla Roma ad opera del Bayern, la Juventus era chiamata a riscattare il nome calcistico dell’Italia in Europa. Non ce l’ha fatta, ma la sua partita si può ampiamente salvare grazie al prepotente risveglio del secondo tempo. Che però non è bastato a recuperare il risultato, compromesso nel primo. E così gli uomini di Allegri rimediano il secondo stop consecutivo in Champions League: dopo la serata storta di Madrid, è arrivata anche quella di Atene, contro l’Olympiakos. Tutta colpa di un primo tempo sostanzialmente buttato via, dunque; nel corso del quale la Juve, incapace sia di costruire che di buttarsi il cuore oltre l’ostacolo, si è affidata ai calci piazzati di un Pirlo neppure al massimo della forma. E i padroni di casa, invece, erano ficcanti, eccome se lo erano: la punizione di Dominguez al 7’, che costringeva Buffon ad un volo di campione, era già il preludio del gol, magari non immediato, ma praticamente nell’aria. Gol che è arrivato esattamente dopo un primo timido ritorno in superficie della Juventus, con due calci d’angolo insidiosi eseguiti da Pirlo; correva il minuto 35, quando Kasami, ottimamente servito da Mitroglou, trafiggeva Buffon con un tiro preciso. La Juventus torna allora a farsi avanti ma sempre senza convinzione, e prima del’intervallo ripone le sue ultime speranze in una bella punizione di Pirlo dal limite (44’).
Il riposo giova ai bianconeri, che torna in campo decisamente più arrembante. E per un Pirlo molle (sostituito al 56’) e un Tevez volenteroso quanto scarico, c’è un Morata in versione deluxe.  La storia del secondo tempo sta tutto nel suo duello con Roberto, il portiere-fenomeno con una carriera da incompreso. Dopo che, al 59’, ancora Kasami va vicino alla segnatura, con una conclusione che sfiora la base del palo alla sinistra di Buffon, e dopo che Tevez, al 63’, tenta di replicare per la Juve, con un tiro sparato sopra la traversa, Roberto comincia a scaldarsi le mani al 66’ su una botta centrale del bianconero ex madridista. Qualche minuto di tregua e poi 71’: lo stacco di testa “illuminato” di Morata non trova la porta. 76’: Roberto vola a togliere dal sette un pallone indirizzato a rete da Pogba direttamente da cross sulla sinistra; un minuto dopo, per dire di no, a Tevez, deve fare uso dei piedi. Ed è ancora un super-Roberto con i riflessi d’acciaio al 79’: quando tutti gridano – finalmente – al gol di Morata, quello Spiderman riesce a far sbattere il pallone contro la parte bassa della traversa, e a farlo ricadere giù senza che tocchi la linea. L’ultima prodezza della serata Roberto la concede all’85’, con una respinta d’istinto su Tevez.            

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password