Strage di rinoceronti ed elefanti in Kenya, «è emergenza nazionale»

L'allarme lanciato dal paleontologo Richard Leakey

pubblicato il 19/03/2014 in Dal Mondo da a cura della redazione
Condividi su:
a cura della redazione
Avorio illegale

Il paleontologo e animalista Richard Leakey lancia l'allarme sulla strage silenziosa di elefanti e rinoceronti in atto in Kenya: «È una emergenza nazionale. Dobbiamo intervenire, non si può continuare così». Secondo Leakey, l'identità dei trafficanti di avorio e dei bracconieri è nota, ma è coperta da una «vergognosa impunità». 

Secondo lo studioso, infatti, chi sta riducendo ai minimi termini la popolazione di queste due specie è tutelato da «uno straordinario livello di sostegno criminale internazionale, che opera con un'impunità vergognosa, uccidendo i nostri elefanti e rinoceronti a un ritmo che li farà estinguere nel paese». I numeri d'altronde gli danno ragione. Solo l'anno scorso nel Paese africano sono state sequestrate ben 13 tonnellate di avorio.
Inoltre, sono in aumento i casi di rinoceronti ammazzati nelle zone una volta considerate più protette. I killer, secondo Leakey, non temono le recenti leggi più dure create per arginare il fenomeno. «Il problema riguarda pochi criminali, i capi delle reti sono noti, con circa 20-30 persone che ordinano le stragi, ma nessuno di loro è stato arrestato» continua lo studioso. Wildlife Direct, un gruppo ambientalista keniano ha stimato che solo il 4% dei bracconieri condannati ha scontato almeno una parte della pena in carcere. 

La ricerca di Leakey ha evidenziato che nell'ultimo anno è raddoppiato il numero dei rinoceronti uccisi rispetto all'anno prima e in questo 2014 le cifre sono destinate ad aumentare. La stessa situazione ci sarebbe per gli elefanti, anche se il governo afferma il contrario.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password