Niente è come sembra

Il mondo di Blonde Black Dress di Giulia Susan Gianassi

pubblicato il 16/10/2016 in Costume e società da Giulia Susan Gianassi
Condividi su:
Giulia Susan Gianassi

Ieri sera mi trovavo in un locale dove il momento forte della serata è la diabolica accoppiata karaoke e balli di gruppo.
È un locale molto "popular" dove puoi incontrare tavolate di amici a festeggiare il compleanno, gruppetti di amiche in liber
a uscita dai mariti e ragazzi "a caccia".

Un po' per deformazione professionale, un po' per curiosità mi sono messa ad osservare i miei vicini.

Accanto a me una coppia: deve essere un primo appuntamento. Lei fasciata in una minigonna di jeans e calze a rete con stivaletti di pelle lucida, lui camicia a quadretti, più grande di lei di almeno 5/6 anni. Mentre il cantante intona "Piu bella cosa" di Eros Ramazzotti" lei lo guarda languida e lo imbocca con una forchettata di riso alla marinara, lui la spoglia con gli occhi sfoggiando uno sguardo tra il maniaco e l'impaziente.

Nel tavolo accanto ci sono cinque amiche, tutte con la fede al dito  e tutte in libera uscita, una caraffa di vino bianco sul tavolo. alle prime note de "La Colita" tolgono il coprispalle tirano un pò su la gonna e si lanciano in un ballo sfrenato sul tavolo.

Poi c'è lui: pantalone color ghiaccio skinny,camicia nera super aderente e gilet grigio. Conosce tutti i balli di gruppo, tutte le movenze soprattutto quelle con il movimento di bacino, flirta con tutte ma nessuno lo caga. A prima vista sembra single da pochi mesi, uscito da una relazione devastante di 13 anni, una casa comprata con la ex, un mutuo da gestire  e assiduo frequentatore di corsi di latino americano.

Vicino alla televisione un'altra coppia: lui intento a guardare la TV muta che trasmette la partita, completamente perso a seguire  il calcio di inizio e i fuori gioco, lei mangia in silenzio, sembra non sentire nemmeno il caos intorno a lei, immersa nella solitudine di un sabato sera con un uomo che non la guarda più.

Una miriade di storie in un solo locale, un flash sulle vite e sulle relazioni in un sabato sera d'autunno.

Alle 01.00 si spengono le luci, le mogli si rimettono la giacca, tirano  giù la gonna e tornano a casa.

Il ballerino folle entra in casa, toglie il gilet, si sdraia sul letto diventato inspiegabilmente troppo grande e guarda la stanza ormai semivuota senza più cornici e soprammobili.

In un'altro appartamento invece si dorme ormai da ore, la partita é finita e una fidanzata si sente più sola.

Per fortuna c'è ancora chi fa l'amore: miss minigonna e mister camicia a quadri.

Che strano vero? Quanti intrecci, quanti volti e quante storie: dietro ad  un ragazzo scatenato nel ballo si nasconde un mare di solitudine, ad una  donna sposata che esce il sabato sera  con le amiche un marito che fa i turni in fabbrica la paura di restare sola in casa.

Nella stanza dove i  due  hanno fatto l'amore spuntano sul comodino cento euro....

Una miriade di storie in un solo locale, un flash sulle vite e sulle relazioni in un sabato sera d'autunno.

Eccolo il bello della vita:  Nothing is what it appears to be

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password