A Bologna mostra fotografica sull'icona della femminilità messicana Frida Kahlo

Frida Kahlo in mostra a Bologna dal 7 novembre al 28 febbraio

pubblicato il 16/10/2016 in Arte e Cultura da Deborah Galasso
Condividi su:
Deborah Galasso

Frida Kahlo rivive a Bologna grazie a una mostra che sarà inaugurata il 7 novembre a Palazzo Albergati di via Saragozza. Fino a marzo 2017, gli amanti della pittrice messicana potranno ripercorrere la sua storia di artista e di donna.

La mostra organizzata da Arthemisia sarà un viaggio tra ritratti, autoritratti e opere di Frida che con la sua arte profonda e provocatoria, è riuscita ad affermarsi nel panorama artistico e variegato del Novecento. ONO Arte Contemporanea in collaborazione con (Fondazione Leo Matiz) Alejandra Matiz presenta Frida Kahlo. Fotografie di Leo Matiz che, con il suo obiettivo, è riuscito a penetrare, al di là delle apparenze, un’immagine tanto vivida quanto reale dell’artista messicana.  La mostra espone 35 fotografie, ma non solo, scattate all'artista e pittrice messicana nel suo quartiere d'origine, nella sua terra, nella sua città nella casa condivisa con il grande amore della sua vita e suo maestro, il pittore Diego Rivera che l'avvicinò giovanissimo all'arte e che sposò nel 1929 conducendo una vita matrimoniale molto sofferta. 

La mostra vuole rappresentare non solo la vita della bravissima artista ma anche la storia di un paese, il Messico tra rivoluzione e guerra, gioia e speranza, del quale Frida esprime l’interiorità. Le foto si soffermano soprattutto sull’immagine di Frida, immortalata nel suo quartiere natale di Coyoacan a Città del Messico e Matiz regala un ritratto intimo ripreso da un punto di vista privilegiato, ossia quello dell’amicizia che per anni li ha legati. Foto insolite e particolari dove vediamo quindi non solo la Frida artista ma anche la Frida donna con le sue debolezze, le sue fragilità ma la sua grande carica energica e positiva in tutta la sua quotidianità, nella realtà della sua vita .

Messico vuol dire Frida e viceversa. Soprattutto in quegli anni di cambiamento, di tumulti politico-sociali che coincidono con le tragedie fisiche e sentimentali di Frida e la mostra fotografica vuole proprio esprimere questo amore viscerale tra la pittrice e il suo paese che diviene protagonista indiscusso della sua vita, delle sue opere e delle sue idee. Una viaggio tra scatti che raccontano un’epoca, un paese e un’artista, scatti intimi ed intensi così da riportarci indietro nel tempo e da farci rivivere in modo totale questa importante figura, una donna dalla grande forza e dalla grande carica innovativa. Fino al 28 febbraio, chiuso il lunedì e domenica mattina. La chicca: ingresso gratuito e la possibilità di acquistare le fotografie.

Saranno esposti anche gli schizzi preparatori di Vanna Vinci, lavori di studio per la biografia a fumetti dedicata a Frida Kahlo che 24 ORE Cultura pubblicherà nell’autunno 2016. Oltre ai disegni preparatori del progetto, saranno esposte anche 4 grafiche realizzate ad hoc dall’artista e delle quali sono state realizzate delle tirature limitate. In questa terza mostra italiana, la prima volta la sua arte fu ospite a Roma, la seconda a Genova,  si potrà osservare la sua arte accompagnata dalla sua vita, con quadri e fotografie, soprattutto sui volti e sui ritratti e noi speriamo che come desiderava lei la sua fine sia stata gioiosa ma sappiamo che il suo desiderio di non tornare mai più non sarà mai esaudito perché lei resterà sempre una donna dalla forte personalità artistica ed umana.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password