Un comunicato sbugiarda Andrea Vacchi, l'imprenditore più social d'italia

L'ima prende le distanze dal suo azionista più famoso

pubblicato il 12/10/2016 in Costume e società
Condividi su:

L'Ima, l'industria di Gianluca Vacchi prende chiaramente le distanze dalle gesta del suo famoso azionista e fa sapere secca: "Non ha alcun potere e non è direttamente coinvolto nella gestione della compagnia". 

Stanchi della continua attenzione mediatica che l'esuberante manager attira su di sè e quindi sull'azienda il consiglio di amminsitrazione ha pensato bene di affidare la sua versione ad un comunicato stampa che riporta: 

 

"Con riferimento  all'interesse generato dalla presenza attiva del Dr. Gianluca Vacchi sui social media e la serie di considerazioni che sono apparse negli ultimi giorni sulla stampa. In linea con la sua politica di trasparenza, come previsto per una società quotata in borsa, essendo citata in varie occasioni, l'Ima vorrebbe dare informazioni corrette ai suoi azionisti e clienti. Questo - si legge ancora - al fine di evitare disinformazione sulla realtà dell'azienda, che è esclusivamente focalizzata sulla crescita e sull'aumento della competitività del Gruppo nell'ambito del mercato globale, pur rispettando la storia di una company fortemente radicata in Italia. In questo contesto generale, e al fine di fornire i chiarimenti sopracitati, senza voler interferire nelle decisioni private di coloro che possono essere collegati direttamente o indirettamente alla IMA S.p.A., abbiamo ritenuto utile specificare quanto segue".

"Il Dr. Gianluca Vacchi - spiega ancora il comunicato - è azionista di IMA S.p.A. e un membro del Consiglio di Amministrazione, come dichiarato da lui più volte. Il Dr. Vacchi non ha alcun potere e non è direttamente coinvolto nella gestione della compagnia. Per molti anni - sottolinea ancora la società - il Dr. Gianluca Vacchi è stato un imprenditore indipendente e al di fuori di Ima, senza partecipare attivamente alla gestione di questa compagnia [...]".

"Per quanto riguarda la storia della società - puntualizzano ancora -, IMA non è stata fondata dal padre di Gianluca Vacchi, come invece ha dichiarato in contraddizione con le corrette informazioni. L'origine di IMA è legata, più di mezzo secolo fa, alla volontà della famiglia Vacchi di investire il reddito prodotto da altre attività in una serie di progetti innovativi presentati loro da inventori e designer creativi e inclini alle tecnologie. Questo incontro tra l'apertura mentale degli imprenditori e una forte base tecnologica ha dato a Ima la capacità di crescere con una solida base di ricerca e innovazione".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password