Confermata dalla Cassazione la condanna per Augusto Minzolini

Condannato a due anni e mezzo per peculato ex direttore del Tg1.

pubblicato il 13/11/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Il ricorso di Minzolini è stato rigettato e la VI Sezione Penale della Cassazione che ha confermato la condanna a due e mezzo per peculato e  l'interdizione dai pubblici uffici per la durata della pena, come aveva sentenziato  la Corte d'Appello di Roma il 27 ottobre 2014.

Augusto Minzolini  avrebbe utilizzato in maniera  impropria la carta che gli era stata fornita dall'azienda senza giustificare le spesse fatte per un totale di 65mila euro. 
Minzolini era stato assolto dal tribunale di Roma in primo grado il 14 febbraio 2013 adducendo che Minzolini era ignaro  di stare spendendo soldi pubblici, ma convinto che la Rai gli avesse  messo a disposizione la carta di credito come compensazione come previsto da  contratto.
La condanna era poi fioccata  dalla Corte d'Appello di Roma il 27 ottobre 2014 e da questa sentenza la decisione dell’ex direttore di presentare ricorso  alla  Cassazione tramite il suo difensore l'avvocato Franco Coppi.

Oggi Minzolini commenta ai microfoni dell’Ansa  : "Sono allibito. In appello sono stato condannato da un giudice che è stato sottosegretario con i governi Prodi e D'Alema. E' come se Prodi o D'Alema dopo aver militato in politica per anni giudicassero Berlusconi. Questo e' il sistema giudiziario italiano. Sono stato assolto in primo grado e condannato in appello a una pena maggiore di quella che chiedeva l'accusa. Evidentemente c'è qualcuno che mi vuole vedere fuori dal Parlamento”

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password