Pasqua: nessuno sciopero agli Uffizi

Proclamato da Filcams Cgil e Uiltucs è stato dichiarato illegittimo dall'Authority

pubblicato il 26/03/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Il sindaco di Firenze Dario Nardella si stava disperando da giorni, ripetendo che uno sciopero al Museo degli Uffizi nei giorni di Pasqua “era un dito  nell’occhio della città”  ma ci ha pensato  l'Autorità di garanzia a togliere ogni ansia dichiarando lo sciopero illegittimo.

Indetto  da Filcams Cgil e Uiltucs  Uil che hanno raccolto le istanze del personale della Società Opera Laboratori Fiorentini i quali temono per il loro futuro. Questi lavoratori  non sono dipendenti pubblici, ma delle aziende che hanno la concessione dei servizi e temono di non essere riassorbiti  dalle prossime aziende che vinceranno l’appalto
nonostante il  Ministro Franceschini li avesse  rassicurati: “Ho incontrato una rappresentanza dei lavoratori degli Uffizi, e ho loro garantito che nelle prossime gare di affidamento che dobbiamo eseguire in trasparenza ed efficienza, inseriremo la clausola sociale. Le gare non saranno indette prima di settembre 2015, quindi non avverrà nulla prima di settembre. Nel minacciare uno sciopero per Pasqua ci vedo un po' di autolesionismo e me ne dispiace quando viene da parte dei sindacato”

Adesso  il problema è stato risolto dall’Authority . "La legge sul diritto di sciopero, - ricorda il garante  - ricomprende tra i servizi pubblici essenziali le attività legate alla sorveglianza e alla vigilanza dei beni culturali. Il mancato adeguamento all'indicazione dell'Autorità determinerebbe una procedura di valutazione del comportamento dei sindacati e l'eventuale adozione di sanzioni. 
Questo il commento di Cgil "Decisione arrogante, non resteremo inerti , a quanto ci risulta, l'Autorità non era finora mai intervenuta in caso di scioperi nei musei".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password