Morto suicida l'ex giudice Giancarlo Giusti

Coinvolto in due inchieste fu arrestato per collusione

pubblicato il 16/03/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Una personalità complessa e sicuramente priva di equilibrio, messo sotto sorveglianza dagli inquirenti risultò molto coinvolto in  conoscenze utili, affari discutibili e divertimenti particolari. L'ex magistrato del Tribunale di Palmi, si è impiccato nella sua casa di Montepaone in provincia di Catanzaro, dove ha vissuto negli ultimi mesi. Impegnato in due inchieste della Direzione distrettuale antimafia di Milano e Catanzaro su suoi presunti rapporti con le famiglie dell 'ndrangheta.

Fu inchiodato da alcune telefonate intercettate dalla Dda di Milano, in una delle quali conversando con il boss Giulio Lampada,  Giusti affermò: "Non hai capito chi sono io ... sono una tomba, peggio di ... ma io dovevo fare il mafioso, non il giudice".

Il secondo elemento che portò all' arresto di Giancarlo Giusti fu, come fu  definita dagli inquirenti, l'ossessione" dell'ex giudice per il sesso. Gli inquirenti  hanno sequestrato il suo diario nel quale annotava tutto quel che faceva e  che atteneva ai suoi incontri di tipo sessuale.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password