Scoperto un giro milionario di truffe a Novara

Maxi operazione condotta dalla Guardia di Finanza partita da una verifica fiscale

pubblicato il 12/06/2013 in Attualità da Adnkronos
Condividi su:
Adnkronos

Erano riusciti a farsi rilasciare mutui per diversi milioni di euro facendo acquistare a nullatenenti, che venivano fatti risultare regolarmente assunti con tanto di busta paga contraffatta, immobili di scarso valore spacciati per immobili di pregio attraverso false perizie. Il mutuo erogato, in alcuni casi, era pari anche al triplo del valore effettivo dell'immobile: dopo il pagamento delle prime rate del debito gli acquirenti diventavano insolventi e le banche si trovavano con in mano un pugno di mosche. Il sistema escogitato consentiva cosi' al venditore della casa di guadagnare anche piu' di quanto potesse sperare e alle teste di legno reclutate per intestarsi la casa come prestanome di beneficiare per un po' di tempo, di una casa e di un po' di liquidita' mentre gli unici danneggiati erano gli istituti di credito. A scoprire la truffa la Guardia di Finanza di Novara a seguito di un indagine scaturita da una 'normale' verifica fiscale: i finanzieri, a seguito di un controllo operato nei confronti di una societa' attiva nel settore della costruzione e compravendita di edifici, avevano rilevato una serie di incongruenze notando evidenti scostamenti tra il valore degli importi di alcune compravendite immobiliari ed i relativi mutui ipotecari che erano stati richiesti ed ottenuti da soggetti formalmente privi di qualsiasi fonte di reddito. I risultati degli accertamenti hanno offerto lo spunto per sviluppare una serie di approfondimenti che, coordinati della Procura della Repubblica di Novara, hanno consentito raccogliere le prove della frode che veniva realizzata basandosi sullo sfruttamento sistematico di soggetti contraddistinti da profili di marginalita' sociale caratterizzati da precarie condizioni socio economiche.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password