Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Algeria nel mirino degli USA per sostegno alla macchina di guerra russa

Sarebbe quindi in questo contesto che il capo dell'esercito algerino, Said Chengriha ha ricevuto il 16 settembre l'ambasciatrice degli Stati Uniti in Algeria, Elizabeth Moore Aubin

Condividi su:

L’Algeria è finita nel mirino degli Stati Uniti per sostegno alla macchina di guerra russa. Il senatore repubblicano Marc Rubio chiede sanzioni contro Algeri, accusandola di alimentare la macchina da guerra russa in Ucraina attraverso i suoi molteplici ordini di armi. 

Non è mistero che Algeria si è astenuta al voto dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite contro l’invasione della Russia in Ucraina e si è opposta al voto di cacciare via Russia dal Consiglio dei diritti umani dell'Onu. La Federazione Russa ha concluso diversi accordi di vendita di armi con l’Algeria, il suo prezioso cliente dell’industria militare. Dopo l’India (25% delle esportazioni russe) e la Cina (16%), l’Algeria è il terzo cliente più grande di Mosca (14%) che da sola acquista circa la metà delle armi russe esportate nel continente africano. 
Nel campo nucleare la Rosatom e la Commissione algerina per l’energia atomica hanno firmato una dichiarazione di intenti per costruire centrali nucleari di progettazione russa in Algeria. 

La vicinanza tra Algeria e Russia è segnalata da alcuni circoli negli Stati Uniti. Una preoccupazione che il senatore Usa Marc Rubio ha espresso giovedì 15 settembre in una lettera indirizzata ad Antony Blinken. Il repubblicano e vicepresidente dell’Intelligence Committee alla Camera alta del Parlamento ha chiesto sanzioni contro l’Algeria per aver violato il "Countering America’s Adversaries Through Sanction Act", adottato da senatori e deputati e poi firmato nell’agosto 2017 dall’ex presidente Donald Trump. 
Rubio ha detto nella sua lettera:

"La legge ordina al Presidente di imporre sanzioni contro le parti impegnate in transazioni significative con rappresentanti dei settori della difesa o dell’intelligence del governo della Federazione Russa. Il presidente ha delegato questa autorità al segretario di Stato, d’intesa con il segretario al tesoro". 

"La Russia è il principale fornitore militare dell’Algeria. L’Algeria è anche tra i primi quattro acquirenti di armi russe nel mondo, culminata in un accordo di armi da 7 miliardi di dollari nel 2021. Una sostanziosa manna finanziaria "che non farà che rafforzare la macchina da guerra russa in Ucraina", spiega. Inoltre, il senatore chiede ad Antony Blinken di "designare adeguatamente le parti il ​​cui ingente acquisto di attrezzature consente le azioni destabilizzanti della Russia". 

Marc Rubio politico influente noto per le sue dure posizioni su alcune questioni geopolitiche relative alla politica estera degli Stati Uniti. Si dice che proprio lui che abbia suggerito all'ex presidente Donald Trump la politica estera da seguire, in particolare per quanto riguarda le dittature. Sarebbe quindi in questo contesto che il capo dell'esercito algerino, Said Chengriha ha ricevuto il 16 settembre l'ambasciatrice degli Stati Uniti in Algeria, Elizabeth Moore Aubin non solo per la classifica: "discutere questioni di interesse comune, ed esaminare lo stato della cooperazione bilaterale tra i due paesi, nonché le modalità e i mezzi per rafforzarla". 

Condividi su:

Seguici su Facebook