Passioni da “supereroi”: la pallavolo di Carol Primavera

La rubrica delle persone comuni

pubblicato il 08/09/2016 in Attualità da Chiara pirani
Condividi su:
Chiara pirani

Come quella delle sue compagne di squadra, anche quella di Carol è una passione che inizia alcuni anni fa, quasi per caso.

Ma è proprio in occasioni come questa che si capisce quanto un semplice “gioco” possa diventare fondamentale.

Ho cominciato all'età di 12 anni. Ricordo che tutte le mie amiche mi dicevano sempre di provare a giocare a pallavolo e allora un giorno ho deciso di entrare in quella palestra: solo in quel momento ho capito che, tra tutti gli sport che avevo provato, la pallavolo era l'unico che mi aveva appassionata veramente.”

Si comprende quanto qualcosa sia importante per ciascuno di noi solo con la lontananza.

È proprio vero: quando non ce l'hai, vorresti non averla mai abbandonata.

 

Un anno, per motivi vari, non ho potuto giocare. Ma è proprio in quell'anno che ho capito che stare lontana dalla palestra, dal campo e dalla squadra mi rendeva incompleta.”

 

Fare squadra e vivere con intensità, minuto dopo minuto. Questa è la pallavolo.

Una serie di sfide entusiasmanti, per cui vale la pena di lottare, di tirare fuori il meglio di sé.

“La partita che mi ha segnata più di tutte è stata quella in cui abbiamo affrontato il Castelfrentano: una mia compagna di squadra si fece male e il nostro mister, Aldo Liberatoscioli, decise di farmi entrare e insieme al resto della squadra siamo riuscite ad arrivare alla vittoria.”

Difficile descrivere questa passione in una sola parola, ma non per Carol.

Lei non ha dubbi al riguardo.

E quel termine, così breve, è davvero pieno di significato.

“La parola che secondo me potrebbe riassumere tutto è "vita".”

Vita.

E, per la propria vita, Carol non può che augurarsi il meglio: rafforzare, condividere e moltiplicare all'infinito questa straordinaria passione.

 

“Spero che la pallavolo continui a far parte della mia vita anche in futuro e spero che la società Cordigeri Volley cresca ancora e riesca ad accogliere nuove persone con la stessa passione che ho io.”

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password