È successo in Italia il 18 novembre 2016

Il resto delle notizie dal nostro Paese

pubblicato il 18/11/2016 in Attualità da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Grana sicula per il Movimento 5 Stelle

Emergenza criminalità. Afro-mafia a Palermo. Vasta campagna della Polizia, coordinata dalla Dda, contro un’organizzazione mafiosa transnazionale avente base in Nigeria. Sedici i fermi eseguiti dalla squadra mobile in tutta Italia nell’ambito dell’operazione denominata Black Axe (dal nome dell’associazione a delinquere): tra essi non mancano i pesci grossi, come il capo della sezione italiana che era direttamente in contatto con i vertici nigeriani. Quartier generale di tale sezione era il rione di Ballarò a Palermo: da qui venivano gestite, in accordo con le altre “famiglie” sparse per il mondo, attività illecite che andavano dal mercato della prostituzione al traffico di stupefacenti.    
In Calabria, intanto, la Polizia reggina ha provveduto a sequestrare beni per un valore di  50 milioni ad un imprenditore in odore di ‘ndrangheta: si tratta di Nicola Comerci, sessantanovenne di Nicotera (Vibo Valentia), attivo nella piana di Gioia Tauro. Ma con interessi anche a Roma, Bologna e in tutto il Nord Italia. Secondo gli inquirenti i 50 milioni, intestati a Comerci, sarebbero in realtà riconducibili alla cosca ‘ndranghetista dei Piromalli.

Cronaca nera. Caso Ragusa: il gup di Pisa ha ammesso la richiesta di rito abbreviato per Emanuele Logli, marito di Roberta Ragusa, la donna scomparsa dalla sua abitazione di Gello di San Giuliano Terme (Pisa) nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012. L’uomo è accusato di omicidio e distruzione di cadavere, ma si è sempre protestato innocente. Prossime tappe processuali della vicenda: 2 dicembre per la discussione 21 per repliche e sentenza.
A Canosa di Puglia una donna di 75 anni, Maria Melziade, gioielliera in pensione, è morta in ospedale dopo essere stata aggredita e rapinata in casa nella notte.  Stando alle prime ricostruzioni fatte dalla Polizia, la donna era tornata a casa da poco tempo, e aspettava che anche il marito facesse ritorno: proprio per questo, avendo sentito suonare alla porta, avrebbe aperto senza pensarci troppo. Di fronte a lei, però, anziché il coniuge si è trovata di fronte un aggressore, di cui ancora è ignota l’identità, che, dopo averla colpita, ha portato via dall’abitazione monili e preziosi. Gli inquirenti non escludono che il decesso della donna, più che dalla violenza perpetratagli, sia stato causato dallo spavento subito. A Milano sono stati condannati a nove mesi di carcere i genitori della bambina di nove mesi morta di stenti nel febbraio 2015

Politica. Scenari post-referendum: il presidente del Senato, Piero Grasso,  liquida come “Fantapolitica” le ipotesi di chi lo vorrebbe alla guida di un governo tecnico in caso di dimissioni di Renzi. “Mi concentro su quello che devo fare e cerco di farlo al meglio.” 
Sul fronte del centro-destra, intanto, Stefano Parisi, già candidato per Forza Italia alla carica di sindaco di Milano, annuncia la nascita di un nuovo movimento politico, “Energie per l’Italia”. Parisi lo definisce “un contributo importante per il centrodestraun movimento alternativo a Renzi e alla sinistra”, ma non  si pone contro “gli attuali partiti di centro-destra”. Lo scopo è quello di portare un “profondo rinnovamento di idee e persone”, perché “non abbiamo più tempo di fare coalizioni che mediano non producono più nulla”.
Il caso del giorno però è la bufera scoppiata all’interno del M5S per un’inchiesta che coinvolge otto parlamentari e vari attivisti accusati di aver violato il testo unico 570 del 1960: al centro dell’indagine le firme false presentate alla Comunali di Palermo del 2012. A inchiodare i grillini, dopo le dichiarazioni del superteste Pintagro, le testimonianze della deputata regionale Claudia La Rocca e di due attivisti. Accogliendo l’invito di Grillo, la La Rocca si è autosospesa dal movimento. Il leader pentastellato vuole che anche gli altri iscritti coinvolti nella vicenda seguano l suo esempio. 
Guai anche per Alfio Marchini, ex candidato a sindaco di Roma, coinvolto insieme ad altre 22 persone in un’indagine della Procura di Roma che riguarda una sua banca d’affari, la Methorios Capital s.p.a. Al centro dell’interesse degli inquirenti sospette operazioni finanziarie per importi elevati da parte delle società collegate alla banca. Pesanti i capi d’accusa: associazione per delinquere e false comunicazioni sociali.

Corruzione pubblica. Arrestato per corruzione dalla Gdf di Udine un funzionario del ministero del Lavoro. Si tratta del coordinatore di una commissione ministeriale per l’approvazione di progetti per ponteggi. A suo carico l’accusa di aver facilitato l’iter di alcune pratiche ma anche falsificazione di bolli.  
Truffa ai anni della Marina Militare: chiuse le indagini da parte della Procura di Roma. Al centro della vicenda il combustibile-fantasma (undici milioni di litri) che doveva essere scaricato dalla nave Victory presso il deposito militare di Augusta (Siracusa) e  che in realtà non fu mai consegnato. La nave naufragò nel 2013. Al momento  sei persone risultano a processo, con le accuse di associazione per delinquere transnazionale, falso, corruzione e trufa aggravata.  

Emergenza sismica. Entro dicembre una prima parte dei container sarà sistemata nei sei comuni del Centro Italia colpiti dal terremoto che hanno fatto richiesta di tali soluzioni abitative di emergenza. Si tratta dei comuni di Norcia, Camerino, San Ginesio, Caldarola, Palmiano e Amatrice: la prima fornitura di container coprirà una popolazione pari a 2000 persone. Intanto, un altro bel risultato per le popolazioni terremotate: la raccolta di fondi promossa attraverso il numero solidale 45500 ha già portato a ben 4.019. 082 euro di aiuti.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password