CHIEDERE UN ACCORDO USUFRUENDO DELLA LEGGE 3/2012 E' POSSIBILE!

Quella che raccontiamo è la normale follia che appartiene a questo momento storico economico.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 22/08/2016 in Attualità da andrea fisco
Condividi su:
andrea fisco

Quella che raccontiamo è la normale follia che appartiene a questo momento storico economico. Di fronte ad un evidente sovraindebitamento  ( ma come diavolo hanno potuto indebitarsi così tanto? )  abbiamo  deciso di “ stravolgere “ le normali procedure che   il Codice di Procedura Civile prevede .Il Tribunale è un posto pericoloso , sai come entri e non sai come ne esci, tanto vale evitarlo ove possibile.
Sapendo che esiste al Legge n ° 3 del 2012 ( la cosiddetta salva suicidi )  abbiamo scritto finanziarie   chiedendo di aderire preventivamente  ad un accordo bonario                 In caso contrario avremmo depositato l’istanza  grazie all’avv. Mazzotti, sempre pronta a darci un aiuto tempestivo ed un vero supporto strategico .
RISULTATO RAGGIUNTO  :
2 posizioni agos  ducato  Carta di credito  in dare di euro  5.344,00    e prestito personale di euro 23.908,00    stralciati ad euro  5.400,oo ( da pagarsi in 36 rate da 150 euro ) senza interessi  .
Barclays   : carta di credito  ceduta alla Compass  ( si perché Barlays  stà scappando dal paese Italia ) per euro 3.300,00    azzerata in virtù del successivo accordo
Compass: finanziamento residuo di euro 7.490,00     estinto con bonifico omnicomprensivo di euro 3.000,oo ( unico versamento  e reso possibile dal lungo periodo in cui non stavamo più pagando i debiti)
Banca 24/7   : prestito di originari 10.000,00  , oggi presunti 14.300 (  incredibile il debito è più alto nonostante i pagamenti di un anno intero  !!!! )     estinti  a saldo e stralcio con euro 2.500,00   ( da pagarsi senza interessi entro 25 mesi   e restituzione della cambiale a garanzia )
Questo risultato obbliga a  trasmettere un messaggio ai Colleghi operatori.


NON OFFRITE  TROPPO DENARO ALLE BANCHE , SONO IN DIFFICOLTA’  ED ACCETTANO POCHI DENARI.

Se volete saperne di piu' scrivete a:

info@avvocatoinfamiglia.com; www.avvocatoinfamiglia.com

oppure scrivete a:

a.fisco@avvocatoinfamiglia.com; www.andreafisco.com

 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password