Riapre, a Pompei, la Villa dei Misteri dopo anni di lavori

Il Ministro Franceschini: 'Con oggi si volta pagina'

pubblicato il 20/03/2015 in Arte e Cultura da Danilo Di Laudo
Condividi su:
Danilo Di Laudo

POMPEI - Due anni di restauri e tre mesi di chiusura al pubblico riapre le porte al pubblico la Villa dei Misteri. I suoi meravigliosi mosaici ispirati al Dio Bacco e ai riti a lui legati saranno di nuovo a disposizione degli occhi ammirati dei turisti.

Il Ministro Dario Franceschini ha presieduto alla riapertura della Domus Suburbana di Pompei tenutasi questa mattina alle ore 11.00 asserendo che ''oggi è una giornata davvero importante per Pompei. L'Italia restituisce al mondo altre meraviglie''.

La Villa risale al II secolo a.C. ma è stata riportata alla luce solo nella seconda decade del 1900. La struttura fu costruita, come detto, nella zona suburbana di Pompei che vide il suo splendore massimo nell'età augustea e, visto che fu inizialmente progettata e pensata come villa d'otium, fu dotata di ampie sale e giardini pensili.

Fu il terremoto del 62 d.C. a segnarne un primo abbattimento ma questo evento rappresentò anche l'estro per un riadattamento dell'intera Villa. Divenne infatti una domus rustica con l'aggiunta di attrezzi agricoli e torchi per la spremitura di olive. Dopo i primi scavi le aree di maggior interesse furono da subito quelle decorate con gli affeschi di riti misterici e, nel corso degli anni, nessuna meraviglia dell'urbe romana aveva subito un restauro così lungo e complesso. Fortunatamente le muffe e i batteri che sono stati la causa principale del decadimento dei mosaici sono stati per il momento debellati.

Franceschini ha poi concluso sottolineando che i lavori non si fermano qui, anzi lo scorso anno è stato pieno di lavori importanti, sono stati infatti 'aperti e conclusi tre cantieri, 13 sono ancora aperti, nove gare sono già state avviate, abbiamo assunto 85 persone a vario titolo nell'ultimo anno e ci sono in programma moltissime iniziative'.

'Il mondo guarda con puntigliosa attenzione a ciò che accade a Pompei - ha aggiunto il Ministro - noi oggi diciamo con orgoglio al mondo: a Pompei abbiamo voltato pagina'

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password