Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Libri cartacei o e-book, cosa preferiscono gli italiani?

Condividi su:

L'era del digitale ha rivoluzionato diversi aspetti della nostra vita, intervenendo in modo deciso sulle nostre abitudini quotidiane e sulle esperienze d'acquisto. In questo nuovo vortice della vita trasferita sul web e sui device elettronici quali Smartphone e Tablet, però, c'è ancora un aspetto che resiste all'intrusione della tecnologia, e che sembra non conoscere compromessi: il segmento dell'editoria. Vediamo insieme perché gli e-book non sono ancora riusciti a sostituire i libri, ed i motivi per i quali l'editoria cartacea sta riuscendo a resistere a quella digitale.

E-book o libri cartacei? Ecco cosa scelgono gli italiani

Tutti conosciamo la comodità degli e-book: sono poco costosi, versatili ed in grado di trasferire l'esperienza della lettura dal libro ai dispositivi quali i Tablet e gli e-reader. Ma questi vantaggi bastano per sostenere che l'editoria digitale stia scavando la fossa all'editoria tradizionale? Decisamente no. Il motivo è che la tecnologia, anche se non è una cosa che capita frequentemente, sta trovando nella tradizione degli italiani una barriera invalicabile. Il libro è infatti un autentico oggetto di culto, che rappresenta la grande cultura della letteratura italiana e la identifica nella vecchia carta, con tutte le sue sensazioni tattili ed il suo profumo. Inoltre i libri, pur ingiallendo del tempo, sono indistruttibili: al contrario dei device tecnologici, che non solo sono a rischio guasto ad ogni caduta, ma tendono anche a diventare velocemente antiquati rispetto ai nuovi prodotti. Nonostante da anni giri la voce di una presunta fine dell'editoria cartacea, dunque, gli italiani continuano a preferire la buona, vecchia carta.

I vantaggi del libro cartaceo per gli autori

Pubblicare un libro su un formato cartaceo è ancora la via miglio

re per invadere un mercato particolarmente apprezzato dai lettori italiani, e che difficilmente si estinguerà nel breve periodo. Il primo motivo per cui un autore dovrebbe rivolgersi al vecchio mercato è, dunque, il grado di affezione dei clienti: i lettori. Inoltre, grazie al web, anche l'editoria cartacea ha potuto potenziarsi e velocizzarsi: gli autori, in special modo quelli emergenti, hanno adesso il vantaggio della stampa digitale fornita da aziende che si occupano della stampa di libri come ad esempio Pressup.it, e che permettono di stampare a prezzi favorevoli anche una o poche copie, quindi senza ricorrere ad un editore. Un'ottima scappatoia per rimanere sul supporto cartaceo senza doversi scontrare con le barriere d'ingresso poste dagli editori, interessati soprattutto all'aspetto economico del libro.

I vantaggi del libro cartaceo per i lettori

Non si tratta di una legge

nda, ma del risultato di uno studio condotto negli Stati Uniti d'America: leggere un buon libro allena il cervello e aumenta l'intelligenza. Il motivo è dovuto a mondi immaginari dall'altissimo potenziale creativo, che è possibile conoscere solo attraverso il contatto fisico con il libro, senza nessun dispositivo a fare da mediatore durante l'esperienza di lettura. Inoltre, la possibilità di sfogliare concretamente un libro permette al lettore di mantenere la concentrazione, e di attuare un gesto che si rivela anche rilassante: la lettura di un buon libro cartaceo, dunque, è l'ideale prima di andare a letto.

Condividi su:

Seguici su Facebook