Andrea Iannone a tutta carica

In Argentina, sesto posto per il pilota abruzzese

pubblicato il 27/04/2014 in Sport da Elena Caracciolo
Condividi su:
Elena Caracciolo

Partiva ottavo, sul circuito di Termas de Rio Hondo.
Ma glien’è fregato poco.
Ha messo tutta la potenza che aveva, ha accelerato, è scattato benissimo e tac.
Dentro, poi a destra, poi dritto, poi ancora dentro e, infine, a sinistra, all’esterno…e si è ritrovato secondo.
Secondo, dietro ad Jorge Lorenzo.
Ecco la descrizione della splendida partenza autografata, firmata e sottoscritta da Andrea Iannone, durante il nuovissimo Gran Premio d’Argentina.
Il pilota abruzzese si è mangiato l’asfalto e ha ignorato addirittura i big di turno quali sono Marquez, Rossi e Pedrosa.
Ha messo nel mirino tutti, con la sua Ducati Pramac.
È stato attaccato anche da Valentino Rossi, il quale, per un momento, è risultato quasi intimorito, quasi indietreggiante davanti all’esperienza e alla pulizia di guida del giovanissimo pilota di Vasto.
Poco importa se Andrea ha chiuso in sesta posizione (si tratta comunque del miglior risultato in classe regina): Iannone ha dimostrato di crescere ogni giorno di più.
E, insieme a lui, notevolmente, sta crescendo anche la Ducati Pramac, che ha addirittura preceduto di ben tre posizioni la Ducati ufficiale di Andrea Dovizioso.
Bene così.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password