Superbike: Alex Lowes torna in sella alla Kawasaki

A un mese e mezzo di distanza dall'infortunio di inizio febbraio al Rocco’s Ranch di Barcellona, il britannico ha svolto due giorni di prove a Jerez de la Frontera

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 21/03/2021 in Sport da Dennis Ciracì
Condividi su:
Dennis Ciracì
Alex Lowes, pilota Kawasaki Racing Team WorldSBK

A oltre un mese e mezzo di distanza dall’incidente datato sabato 6 febbraio, mentre stava svolgendo un allenamento di motocross su una pista di flat-track al Rocco’s Ranch di Barcellona, che gli ha causato la rottura della spalla destra, Alex Lowes è tornato in pista. Il pilota del Kawasaki Racing Team WorldSBK ha svolto due giornate di test sul Circuito de Jerez-Angel Nieto.
Il centauro britannico che, inclusa la sosta invernale, non saliva in sella a una Superbike da quattro mesi, ha avuto modo di guidare per la prima volta la nuova ‘ZX-10RR’. Sulla pista iberica erano presenti anche i piloti del Team HRC, Leon Haslam e Alvaro Bautista. Per quanto riguarda il compagno di squadra di Lowes, Jonathan Rea, il pluri iridato era all’Autodromo International do Algarve di Portimao per svolgere un giorno di test.
Al termine delle due giornate di prove sul tracciato andaluso, il trentenne inglese ha completato circa 120 giri utili alla comprensione del nuovo mezzo meccanico e a capirne il comportamento con le recenti novità introdotte dal team in termini di telaistica, motore e aggiornamenti aerodinamici.
In seguito alla conclusione dei test, l’ex pilota Supersport, tramite il sito ufficiale della Kawasaki, si è detto entusiasta di essere ritornato in sella alla moto: “sono estremamente felici di essere tornato in pista per due turni pomeridiani con la squadra. Considerando le condizioni della mia spalla, non ero certo di quello che avrei potuto fare in pista. Ma, nonostante tutto, abbiamo percorso un buon numero di giri, credo 65 tornate l’ultimo giorno. Di conseguenza sono riuscito a proseguire il programma di lavoro sul nuovo pacchetto che avevamo iniziato a testare lo scorso novembre”.
E’ stato molto positivo aver proseguito nella stessa direzione nella quale avevamo iniziato il progetto la passata stagione – ha evidenziato il nativo di Lincon – perché non sapevamo se avessimo il passo giusto per farlo. Abbiamo ripreso proprio dal punto nel quale ci eravamo fermati nel 2020, il ritmo è stato buono e abbiamo progredito nello sviluppo della moto dal punto di vista tecnico”.
Infine, l’ex pilota della classe 125 del Motomondiale ha analizzato il punto nel quale si sia dovuto concentrare maggiormente per migliore la sua tecnica di guida: “nel corso della pausa invernale ho analizzato il mio stile di guida e mi sono concentrato sull’essere più dolce con l’acceleratore in uscita dalle curve. I test ci hanno dato ottimi feedback e abbiamo svolto per intero il programma di lavoro che ci eravamo prefissati per queste due giornate. Conseguentemente non vediamo l’ora che arrivi il prossimo test ufficiale in programma al Circuit de Barcelona-Catalunya” ha concluso entusiasta il pilota del KRT.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password