Anticipi serie A, Milan sorpassa il Sassuolo

L’Inter conquista il quarto posto

pubblicato il 08/05/2016 in Sport da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Bacca l'anti-Sassuolo per il Milan

Ieri la serie A ha emesso un nuovo verdetto.

Riguarda il quarto posto dell’Inter, che la Fiorentina non potrà più soffiarle. Non che, a livello di prospettive europee, ci sia molta differenza tra quarto e quinto posto, dal momento che entrambi i piazzamenti danno diritto alla qualificazione diretta in Europa League, e senza passare dai turni preliminari. Ma quello che la vittoria a San Siro contro l’Empoli, nel primo anticipo della XXXVII giornata di campionato (anticipo iniziato alle 18.00), ha consentito alla manciniana di ottenere è un successo che ha valore quasi esclusivamente per l’almanacco.

Con sette lunghezze di distacco sul team di Paulo Sousa alla penultima di campionato, infatti, l’Inter, ora a 67 punti (gli inseguitori toscani per il momento sono a 60, e ormai è matematico che, al massimo, potrebbero chiudere a 66), si è laureata tetragonista assoluta della serie A 2015-16. Quando, un domani, si riapriranno gli annali del torneo che ha consegnato il quinto scudetto consecutivo alla Juventus si dirà, perciò, che la quarta posizione è stata appannaggio esclusivo dell’Inter, senza coabitazioni ed ex aequo

Decisivi, per conseguire questo traguardo più statistico che curriculare, i gol di Icardi al 12’ e di Perisic al 40’ (per gli ospiti Pucciarelli aveva cercato di rovinare la festa, col momentaneo pareggio al 12’). I medicei, che saranno di scena fra qualche ora al “Franchi” per la delicata sfida contro il Palermo, possono comunque consolarsi pensando che per difendere il quinto posto dall’assalto in extremis del Sassuolo basta loro una sola vittoria.

A proposito del Sassuolo: il Milan ha ricacciato la sua bestia nera indietro di due punti, vincendo il posticipo del prime time (che poi è anche l'ultimo della stagione) al “Dall’Ara” di Bologna. La squadra di Donadoni, in realtà, non meritava di perdere, e per giunta nel modo con cui lo ha fatto contro i rossoneri – a determinare il risultato, al 40’,  è stato un rigore procurato da Luiz Adriano e realizzato da Bacca – Ma, così come è successo rare volte nel corso di questa stagione, la fortuna è girata decisamente dalla parte della squadra di Brocchi.

Così, dopo soli cinque minuti di gioco, l’arbitro fa quasi finta di non vedere un chiaro fallo in area milanista del difensore Romagnoli ai danni della punta rossoblù Floccari. Al contrario qualche minuto più tardi, al 12’, il direttore di gara, Doveri, si mostra invece implacabile nell’espellere il già ammonito Diawara, in seguito ad un fallo a centrocampo su Montolivo. All’89’, poi, sarà il guardalinee a graziare il Milan, invalidando il pareggio bolognese di Masina per una presunta (ma davvero presunta) posizione irregolare. Solo sei minuti prima gli ospiti, con Luiz Adriano, si erano mangiati l’occasione del 2-0.

Ma per  il brasiliano e i suoi compagni non era serata da beffa, per fortuna; e ora i prossimi 90 minuti diranno se è stata piuttosto serata di gloria. Nel frattempo, Milan 57 punti e Sassuolo 55: e il Diavolo è nuovamente da solo al sesto posto.   

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password