Lazio, droni fanno gli Indiana Jones

Università del Salento compie campagna di scavo con velivoli telecomandati

pubblicato il 12/03/2015 in Scienza e Tecnologia da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Nel Lazio droni fanno le "scarpe" a Indiana Jones

Dei grifoni, chiamateli pure così. Col cuore elettronico, ma grifoni. Quando la tecnologia si sposa alla mitologia. Due bestioni volanti, con un’apertura alare di due metri, in “missione” per conto dell’Università del Salento hanno scoperto nuove abitazioni etrusche nel parco archeologico-naturale di Veio, in provincia di Roma.

Scordatevi Indiana Jones che si tuffa da un elicottero o da un aereo di cui aveva appena preso il comando, dopo una lotta all'ultimo sangue col precedente pilota. O che, magari, si libra in volo con un deltaplano di fortuna. I nuovi archeologi non dicono “Maledetti tombaroli!” ma semplicemente “Beep!” e sanno volare meglio di quelli con cappello e liana. Soprattutto, non hanno neppure bisogno di atterrare: quando mai prenderanno in mano una vanga? E, del resto, a che cosa gli servirebbe, se a settanta metri di altezza possono comodamente individuare i loro obiettivi sotterranei?

I due droni-archeologi hanno effettuato una ricognizione sopra un’area pari a quarantadue ettari del parco. Al termine di essa, lo staff “umano” della missione ha scavato lì dove i velivoli telecomandati avevano indicato e hanno, così, riportato alla luce le strutture abitative. Ora sono sotto la lente dei ricercatori del Laboratorio di Topografia Antica e Fotogrammetria dell’ateneo leccese. 

Nel parco di Veio, che comprende l’Agro Veientano di importantissimo interesse archeologico, si possono ammirare sia bellezze culturali che ambientali: accanto alla Villa romana di Campetti e alla zona funeraria etrusca, con la tomba delle anatre, la più antica tomba dipinta appartenente a quel popolo, gli amanti della natura possono estasiarsi di fronte alla piccola cascata di Fosso Piordo, che sta nei pressi di un mulino dei primi del Novecento.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password