In arrivo il tatuaggio elettronico per sbloccare il cellulare

La tecnologia sta proponendo marchingegni sempre più incredibili

pubblicato il 17/09/2014 in Scienza e Tecnologia da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Apple ha lanciato una collezione di orologi in grado di leggere o inviare messaggi di testo,  misurare la frequenza cardiaca del proprietario e  inviare piccoli disegni. La vera novità, per ora, è soprattutto la possibilità dell’iPhone più potente, in grado di pagare avvicinando il cellulare a un bancomat, premendo un dito sul tasto home sul fondo dell'apparecchio. La tecnologia di pagamento NFC esiste da quasi dieci anni, ma gli accordi firmati tra American Express, Visa e MasterCard, da un lato, Macy, Disney o McDonald, dall'altro, darà una spinta al metodo. Negli Stati Uniti, circa 120.000 punti vendita facilitano questo tipo di pagamento. Chissà se in Europa le banche accetteranno un nuovo intermediario tra loro e i clienti.
Panasonic ha invece presentato uno specchio in grado di valutare l'umidità della pelle o nuovi obiettivi QX1 QX30 e Sony che trasformano il telefono in macchina fotografica. La  francese Archos ha lanciato un tappo collegato al Bluetooth, che consente di riprodurre musica per otto ore, e le WhistleGPS start-up ha presentato una collana per imporre le giuste posizioni al proprio  cane.
Motorola ha tenuto un evento a Chicago durante il quale si è parlato di un nuovo smartphone, il produttore  ha presentato nientemeno che un tatuaggio elettronico posizionato sull'avambraccio per sbloccare il telefono. Quest’ultimo identificherà  immediatamente il tatuaggio con la tecnologia RFID. Ogni tatuaggio, che costa attualmente un dollaro dura circa cinque giorni. Per ora, questa ingegnosa trovata non è disponibile negli Stati Uniti e funziona solo con il Moto X, ma ne potranno godere  altri dispositivi.  Ai primi di gennaio, il produttore americano, che sta per essere acquistato dalla cinese Lenovo non ha abbandonato l'idea di offrire una pillola per farci identificare da tutti gli oggetti gli oggetti di suo  quotidiano. Se questo sistema avrà successo , non solo il nostro corpo diventerà un oggetto che emette un'onda elettromagnetica  capace di farci connettere con il nostro caffè. Una cosa sorprendente e leggermente sconcertante.  

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password