Scentee: il diffondi fragranze per cellulare

In arrivo sul mercato un nuovo accessorio da collegare allo smartphone

pubblicato il 03/02/2014 in Scienza e Tecnologia da Innocenzo Caserio
Condividi su:
Innocenzo Caserio

La tecnologia non mai avuto un profumo così buono. Sembra la frase di uno spot pubblicitario per alimentare le vendite di un determinato prodotto hi-tec o quant’altro. Invece riferendoci alla parola  profumo ci vien da dire che sono in arrivo importanti novità sul campo dell’elettronica: le notifiche aromatiche. Si tratta di una nuova trovata commerciale.

Applicando un particolare accessorio al dispositivo mobile, Android o iOS, in caso dell'arrivo di una chiamata o di un messaggio o di un aggiornamento sui social network si sarà avvisati dall'emissione di una fragranza. Questo accessorio emana fragranze si chiama Scentee. Quest’ultimo è giapponese e dopo una lunga attesa è stato reso disponibile a livello mondiale e può essere ordinato direttamente dal sito ufficiale.

A ogni tipo di notifica è possibile abbinare un profumo: si può optare di essere svegliati con l'aroma del caffè, che la ricezione di un cinguettio su Twitter venga segnalata con l'essenza di muschio selvatico oppure che un messaggio sia accompagnato da un'esplosione di lavanda. Il funzionamento di Scentee è molto semplice: all'interno del gadget è collocata una cartuccia ricaricabile che contiene un mix di profumo, che viene attivata dalle vibrazioni e dagli ultrasuoni del nostro device.

La possibilità di essere avvisati con un segnale odoroso ci permetterebbe di sapere se stiamo ricevendo una chiamata senza quella fastidiosa vibrazione anche quando disattiviamo la suoneria come quando siamo in riunione o al teatro, anzi, diffondendo intorno a noi un profumo gradevole.
L'accessorio Funziona in sinergia con il telefono tramite un'apposita applicazione che può essere scaricata direttamente dal Google Play o dall'App Store. Scentee costerà 35 dollari, ai quali bisognerà aggiungerne altri 30 per la spedizione. Le ricariche invece hanno un costo unitario di altri 5 dollari. Come metodo di pagamento viene accettato anche PayPal.

Ci vien da dire un’ottima trovata, considerando il fatto che la tecnologia si sviluppa sempre di più. Dopo l’avvento digitale del 3D infatti, in futuro vedere un film potrà assumere caratteri ancora più reali: non solo la tridimensionalità delle scene e la riproduzione del suono in dolby surround, ma anche la riproduzione di odori, gradevoli o sgradevoli che siano, in base al contesto del film scelto.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password