Si avvicina il Mobile Congress di Barcellona e a tornare sarà il Nokia 3310

Insieme a Nokia anche BlackBerry non molla il mercato

pubblicato il 24/02/2017 in Scienza e Tecnologia da Danilo Di Laudo
Condividi su:
Danilo Di Laudo
Foto ExbitionStandDesing
TECNOLOGIA – Conto alla rovescia per la più importante fiera dedicata alla telefonia mobile del mondo. Il Mobile World Congress (MWC) verrà aperto il prossimo 27 febbraio a Barcellona segnando la dodicesima edizione che, si prevede, conterà oltre 100mila presenze vantando ospiti illustri ma anche assenze non meno importanti. Infatti, voci anticipatrici, parlano già della mancanza dei rappresentanti di aziende come Facebook, prontamente sostituita dal Ceo di Netflix che prenderà il posto, ad appannaggio lo scorso anno proprio di Mark Zuckerberg. Non solo però mondo virtuale moderno e contemporaneo visto che gli organizzatori hanno già pensato di percorrere la strada nostalgica coinvolgendo marchi importanti ma rimasti ai margini del mercato come Nokia e BlackBerry. Proprio queste ultime, come detto rimaste ormai ai margini del mercato, non accennano però a mollare l’osso visto che soprattutto l’azienda svedese ha in mente una riedizione di uno dei cellulari più rappresentativi dei primi anni duemila, prima che gli smartphone arrivassero a spopolare: il 3310 Non solo però ricerca del ‘vintage’ – termine che applicato al campo tecnologico potrebbe far sorridere – ma anche all’immediato futuro visto che Samsung si lancerà nella presentazione di nuovi prodotti – soprattutto tablet – evitando di portare fisicamente l’ultimo Galaxy S8. Una mossa questa che potrebbe favorire la maggior visibilità di altre aziende, che si occupano del comparto smartphone, visto che potranno contare sulla marginalità di Samsung e sull’assenza di Apple Non è dunque una intuizione geniale pensare che a cogliere l’occasione saranno Hawei, Lg, Sony e Htc che punteranno sui nuovi modelli dotati di intelligenza artificiale e assistenti virtuali. Non resterà comunque a guardare neppure Google che dovrebbe portare innovazioni per quanto riguarda i così detti dispositivi indossabili e quelli pensati e creati per il comparto automotive cercando di portare così l’intera manifestazione ad un livello più alto avvicinandosi a quello del CES di Las Vegas tenutosi già qualche mese fa.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password