Intervista al dr. Ennio Battista, presidente dell'Associazione di volontariato Lega Vita & Salute Onlus

Il benessere della persona per il dr. Battista va considerato nella sua totalità e nel suo rapporto con l'ambiente sociale e fisico

pubblicato il 16/10/2014 in Salute e alimentazione da Desirè Sara Serventi
Condividi su:
Desirè Sara Serventi

Promuovere ed educare la salute questa è la missione della Lega Vita e Salute Onlus, che con l’ausilio di persone altamente qualificate offre una guida utile per tutti coloro che intendono star bene, prestando particolare attenzione ai collegamenti tra la salute del corpo della mente e dello spirito. A parlarne il dr. Ennio Battista, direttore della rivista Vita & Salute, e presidente dell’Associazione di Volontariato Lega Vita e Salute Onlus.

Dott. Battista lei è il direttore della rivista Vita & Salute di cosa trattate principalmente?
Di informare sulle buone pratiche di salute che si possono attuare nella vita quotidiana. Dall’alimentazione vegetariana, alla cura del corpo e della mente, considerando il benessere della persona nella sua totalità e nel suo rapporto con l’ambiente sociale e fisico.

Vi avvalete della collaborazione del prof. Franco Berrino, che ruolo svolge all’interno della rivista?
È il nostro consulente scientifico con cui valutiamo gli articoli più importanti, soprattutto nell’ambito dei temi dell’alimentazione e prevenzione oncologica.

Vita & Salute da quanto tempo è presente sul territorio nazionale?
Dal 1952. È il primo magazine in Italia ad essersi occupato di divulgazione medico scientifica.

Bisogna puntare a raggiungere un benessere totale, quindi questo può essere fattibile associando al buon cibo anche l’attività fisica, quale consiglia?
In pratica qualunque sport può andare bene. Non è necessario seguire discipline troppo impegnative per riceverne benefici, è sufficiente anche una camminata veloce per almeno mezz’ora al giorno; meglio se si arriva a farne un’ora al giorno. Questo permette di bruciare calorie in eccesso, un miglior funzionamento del cuore e anche stimolare endorfine che agiscono positivamente sull’umore.

Lei dice di basare l’alimentazione sui cibi vegetali, ma per chi non riesce a bandire dalla propria tavola la carne, cosa consiglia?
Consiglio di limitare al massimo il consumo di carni rosse e cercare di evitare il più possibile le carni conservate. Per quanto riguarda la quantità è preferibile non superare i 300 grammi alla settimana, ma sarebbe meglio scendere ancora sotto questo livello.

Consiglia di limitare il consumo di carni rosse ed evitare le carni conservate, ci spiega perché questa distinzione tra i due termini limitare ed evitare?
Le carni conservate, salumi, prosciutti e affettati vari quindi, presentano ulteriori criticità proprio perché la loro conservazione libera delle sostanze che risultano fattori di rischio tali da non poter consigliare una quantità massima, né minima, di consumo.

Quali sono i benefici di una dieta vegetariana?
Si assimilano sostanze antiossidanti e fibre fondamentali per la prevenzione oncologica come per la maggior parte delle malattie cronico degenerative. In più, vi è il discorso del risparmio di risorse.

Vuole essere più chiaro?
Per esempio, delle 5000 calorie, sotto forma di mais “circa 1,4 chili”, utilizzate per nutrire una mucca se ne recuperano solo 200 g dalla sua carne; per contro con la stessa quantità di mais si potrebbe nutrire un bambino del terzo mondo per molti giorni.  Aggiungo che la produzione di carne richiede grandi quantità di frumento solo per nutrire il bestiame, oltre che disboscamento delle foreste, grande consumo di risorse idriche. Questi citati sono solo alcuni esempi di ciò che intendo dire parlando di risparmio di risorse.

Durante il convegno che si è tenuto a Cagliari ha parlato del cibo del buon umore, vuole dirci di cosa si tratta?
Ci sono degli alimenti che interferiscono direttamente sull’umore. Per far capire, la dieta mediterranea favorisce un umore positivo, mentre gli zuccheri semplici come conseguenza danno un’euforia iniziale cui succedono stanchezza, irritabilità e nervosismo. Un eccesso di proteine causa invece aggressività e competizione.

Si parla spesso di corrette associazioni alimentari, lei cosa consiglia?
Consiglio di puntare sulle associazioni alimentari, quindi, cereali integrali e legumi, proteine animali solo con verdure, non mischiare proteine da fonti diverse e dare prevalenza a pasti a base di carboidrati al mattino; mentre alla sera, alle proteine.

Lei parla di cibi droga, può spiegare cosa intende?
Zuccheri, grassi animali, formaggi possono causare una certa dipendenza.

La sua rivista si occupa spesso di quanto gli zuccheri possano danneggiare la salute delle persone, vuole dare qualche indicazione ai lettori?
Gli zuccheri semplici, come lo zucchero bianco, ma anche la farina 00 o 0, alzano molto e velocemente la glicemia nel sangue, con relativa produzione di insulina per fare ritornare i livelli glicemici nella norma. Questi continui picchi glicemici e relativa stimolazione eccessiva di insulina causa a sua volta produzione di ormoni della crescita come Igf-1 che aumentano la proliferazione cellulare, terreno fertile per la moltiplicazione di cellule tumorali. Anche per questo sarebbe buona norma consumare cereali integrali e limitare a un uso saltuario gli zuccheri.

Voi criticate la scelta di tenere gli zuccheri vicino alle casse dei market, per quale motivo?
Tentano i bambini in attesa a prendere quelle leccornie, inducendo i genitori a comprargliele.

Dr. Battista cosa consiglia ai lettori?
Provare a cambiare prospettiva nelle scelte alimentari, come nella propria gestione della quotidianità. Dando spazio a cibo semplice e naturale. E preferire camminare di più rispetto all’uso continuo dell’auto. Non ultimo, dare importanza della gestione positiva dei propri sentimenti e affetti, coltivando buone relazioni con gli altri, senza dimenticare il rispetto per l’ambiente. Questi e altri consigli i lettori possono trovarli in www.vitaesalute.net oppure alla fan page Vita & Salute.

Seguire un corretto stile di vita è alla base del benessere non solo fisico ma anche psichico!

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password