Oms, il fumo uccide quasi 6 milioni di persone ogni anno

L'Unione europea al lavoro per frenare il consumo di sigarette

pubblicato il 11/07/2013 in Salute e alimentazione da a cura della redazione
Condividi su:
a cura della redazione

Il fumo ogni anno uccide quasi sei milioni di persone: il dato è fornito dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Secondo i dati contenuti nel report sul tabacco circa 5 milioni di persone muoiono perché fumatori, oltre 600mila per il fumo passivo. Le vittime maggiori sarebbero nei paesi poveri o a reddito basso. Secondo le stime, se le cose continueranno così nel 2030 le vittime del fumo saliranno a 8 milioni l’anno.
Sempre secondo l’Oms, il fumo ha causato la morte di 100milioni di persone nel XX secolo.

E mentre il report dell’Oms conferma che il fumo è tra le più grandi cause evitabili di morte al mondo, l’Unione europea cerca di intensificare la sua battaglia contro il consumo di sigarette. La commissione Ambiente, salute e sicurezza alimentare del Parlamento europeo ha approvato a maggioranza un giro di vite sull'usodi  tabacco attrvaerso una direttiva che cerca di aumentare l’informazione e la dissuasione.

Fra i punti centrali del provvedimento l’abolizione delle sigarette al mentolo e simili, che incentiverebbero il tabagismo, e l’aumento di pacchetti coperti da immagini choc (sul 75% delle confezioni), con foto di tumori e malattie della pelle. Previsto anche un freno alle sigarette elettroniche, con quelle più forti che dovrebbero esser vendute solo in farmacia. Stop, poi, al formato slim, ai pacchetti da 10 e alla vendite online. Nel testo si parla infine di indicazioni certificate Iso per i contenuti di nicotina, catrame e monossido di carbonio.
La commissione ha adottato una posizione simile a quella espressa dai ministri della Salute, a giugno, quando avevano approvato la bozza al Consiglio europeo. Differente invece la posizione della commissione Industria del Parlamento, la quale optava una percentuale meno dura di pacchetti con immagini choc ed era intenzionata a lasciare in commercio le slim e le sigarette al mentolo, come pure escludere dalla direttiva le sigarette elettroniche.
Il testo della bozza parlamentare dovrebbe essere portato al voto a settembre o ottobre, poi ci sarà l’elaborazione del testo comune tra Consiglio, Parlamento e Comissione.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password