Scoperto il farmaco che annienterà definitivamente il raddreddore

Il nuovo composto è già efficace contro poliomielite e afta epizootica

pubblicato il 11/02/2014 in Salute e alimentazione da Angela Menna
Condividi su:
Angela Menna

In genere, il virus del raffreddore è uno dei più diffusi a livello mondiale, tanto che ormai in quasi tutti i periodi dell’anno, sono molte le persone che devono fare i conti con naso chiuso, starnuti e malessere più o meno intenso. Probabilmente, c’è una speranza di dire addio a tutto questo, grazie a un team di ricercatori britannici dell’Università di Oxford, che avrebbero messo a punto un nuovo composto capace di impedire la presenza del raffreddore e la sua trasmissione. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Nature, evidenzia che questo composto può essere utilizzato contro malattie potenzialmente fatali come la poliomielite e l’afta epizootica, responsabili di numerosi decessi in tutto il mondo. Secondo l’autore principale dello studio, il dottor Dave Stuart, attualmente, ci sono i rimedi contro l’influenza, ma non contro questo genere di infezioni virali. Il nuovo composto agisce legandosi al virus, per poi impedirgli di rilasciare il materiale genetico che causa l’infezione. I ricercatori sono convinti che questo composto potrà contribuire a migliorare i vaccini già esistenti per la poliomielite, in modo che si possa eliminare per sempre la malattia. I risultati positivi ottenuti con i primi test, fanno ben sperare che dal composto si possa, dunque, arrivare alla produzione di un farmaco per la prevenzione del raffreddore.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password