Coronavirus, l'allarme dei medici: "Mascherine dannose, avvelenano"

Limita l'entrata di ossigeno nei polmoni aumentando i livelli di CO₂ nel sangue: ecco l'elenco completo dei disturbi (anche pesanti) che può causare

pubblicato il 27/05/2020 in Salute e alimentazione da Davide Zedda
Condividi su:
Davide Zedda

La mascherina limita l'entrata di ossigeno nei polmoni aumentando i livelli di CO₂ nel sangue. La carenza di ossigenazione - spiegano gli esperti - può provocare numerosi problemi, soprattutto nei soggetti che la indossano per più di due ore al giorno, persino il cuore può risentirne. 

Indossarla regolarmente ogni giorno e per più ore consecutive - spiega Consulenza Online Salute Naturale - può attivare la ploriferazione di funghi attorno all'area naso/bocca.

Proprio per questo ogni posto di lavoro con lavoratori con la mascherina dovrebbe garantire un arco di tempo per ricambio d'ossigeno.

Perché - ecco dunque - che "indossare la mascherina è come tenere la testa dentro un sacchetto di plastica e respirare".

Ma non solo, perché il dispositivo di protezione individuale che sarà obbligatorio per tutti anche nei mesi più caldi come previsto dalla fase 2, può dunque portare ad avere problematiche come emicrania, capogiri, confusione mentale, herpes, fiato corto, tachicardia, innalzamento pressione arteriosa, abbassamento difese immunitarie, 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password