Assaggi d'Italia: pizza

In Campania con Camillo

pubblicato il 09/03/2018 in Salute e alimentazione da Chiara Pirani
Condividi su:
Chiara Pirani

Proseguiamo con la nostra nuova e speciale rubrica, che vi permetterà di fare un viaggio tra i sapori d'Italia, oltre che tra i ricordi che i piatti tipici di ciascuna regione hanno il potere di evocare in chi ce li racconta.
Il vostro biglietto sarà il gusto, il “mezzo di trasporto” la lettura. Pronti per partire?

Il viaggio prosegue in una terra ancora inesplorata, per questa rubrica: la Campania.
Ebbene sì, la protagonista di questo articolo sarà la terra della tarantella e del mandolino, abitata da persone nelle cui vene sembra non scorrere sangue, ma "pomodoro e mozzarella".

Oggi, il nostro viaggio continua a Salerno (SA), una delle "case" di Camillo, che ci racconta il suo assaggio di ricordi e di famiglia, nel formato più buono e più amato che si possa immaginare.

"A legarmi alla mia terra è la pizza, perché rappresenta le mie radici: mia mamma, infatti, viene da Salerno e il tipo di pizza che preferisco è proprio quella che fa lei. La fa lievitare talmente tanto, che in cottura diventa alta più di due centimetri.
Tra tutti i condimenti che si possono mettere sulla pizza, preferisco sicuramente il sapore tradizionale della Margherita, al massimo con l'aggiunta di patatine fritte."

Facile lasciarsi tentare da un sapore del genere: il piatto preferito di Camillo potrebbe mettere d'accordo chiunque.
Sembra sempre di portarla con sé, di sentirne il gusto e l'odore, anche a distanza di anni, perché la pizza che fa mamma è la più buona di tutte.

"Difficile legare questo piatto a un episodio in particolare: diciamo che mi ricorda tutti i compleanni, miei e delle mie sorelle, perché mamma ci preparava sempre la pizza o la focaccia in casa."

Riflettendo meglio, però, i ricordi impregnati di pomodoro e mozzarella affiorano rapidi, dipingendo l'infanzia con i colori dell'Italia, con le tonalità che ricordano casa.

"In particolare, mi torna in mente uno dei miei compleanni: ricordo una grandissima quantità di vassoi, pieni di pizzette e di focacce, che coprivano tutta la tavola. Intorno, i bicchieri e le bottiglie di spumante e, al centro, la torta di compleanno."

La pizza, quindi, sembra accompagnare ogni momento, rendendolo il più speciale e gustoso possibile.

Anche questo assaggio d'Italia e di Campania si conclude qui. Ma è solo una delle tappe del nostro viaggio: continuate a seguirci e correte a fare il prossimo biglietto!

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password