Assaggi d'Italia: pizzelle

In Abruzzo con Serena

pubblicato il 13/05/2018 in Salute e alimentazione da Chiara Pirani
Condividi su:
Chiara Pirani

Proseguiamo con la nostra nuova e speciale rubrica, che vi permetterà di fare un viaggio tra i sapori d'Italia, oltre che tra i ricordi che i piatti tipici di ciascuna regione hanno il potere di evocare in chi ce li racconta.
Il vostro biglietto sarà il gusto, il “mezzo di trasporto” la lettura. Pronti per partire?

Il viaggio continua nella nostra bellissima terra, caratterizzata dal sapore inconfondibile degli arrosticini e delle pallotte casc e ov e dagli assaggi della tradizione: l'Abruzzo.

Oggi, il nostro viaggio continua a Guardiagrele (CH), in particolare nella piccola frazione di Caporosso, e, per la prima volta, la prelibatezza regionale di cui si parla è dolce: Serena ci racconta il suo assaggio di felicità, fatto con pochi, semplici ingredienti, ma carico di gusto e di ricordi.

"Le pizzelle sono facilissime e velocissime da fare: un dolce pratico che non necessita di un'attrezzatura professionale e che mi ricorda l'infanzia, perché mia nonna le cucinava sempre quando ero piccola, e io e mia sorella Simona eravamo alla fine della catena di montaggio, alla farcitura e all'assaggio."

Un dolce farcito di ricordi, perfetto per celebrare eventi speciali.

"Preparate in occasione delle festività, posso dire che le pizzelle rappresentavano e rappresentano un momento di partecipazione: essendo un dolce molto facile, nella preparazione è possibile coinvolgere anche i più piccoli. Si tratta, perciò, di un dessert versatile: è possibile mangiarlo in molte occasioni e farcirlo a piacere."

Un dolce tradizionale, che assume nomi e consistenze diverse a seconda della zona d'Abruzzo in cui ci si sposta, ma Serena non ha dubbi su quali siano le pizzelle migliori.

"A me piacciono quelle morbide, da chiudere a mo' di cannellone, con una farcitura di crema pasticcera bianca o al cioccolato: sono la felicità!"

Una felicità in formato pocket, che rende orgogliosi di essere abruzzesi.
"Se in Abruzzo non hai la "gratella" per le pizzelle...non sei nessuno!"

Anche questo assaggio d'Italia e d’Abruzzo si conclude qui. Ma è solo una delle tappe del nostro viaggio: continuate a seguirci e correte a fare il prossimo biglietto!

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password