Piede d'atleta: questa e altre infezioni della pelle

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 10/10/2017 in Salute e alimentazione da Susanna M.
Condividi su:
Susanna M.

Piede d'atleta
Che il piede d'atleta sia uno dei disturbi più gravi per tutti coloro che praticano lo sport non è affatto un segreto, ma una certezza confermatasi nel tempo. Si tratta di uno sgradevole problema per molti sportivi, causato dai funghi dermatofiti. Si può parlare, quindi, dell'infezione della cute dei piedi (o delle unghie) che nel tempo e in mancanza di cure efficaci può progredire fino a evolversi nello stato di onicomicosi grave. Più frequentemente il problema colpisce gli sportivi che frequentano le piscine, le palestre, gli spogliatoi o le docce pubbliche. La trasmissione, difatti, avviene tramite il contatto con delle aree di pelle infetta e il problema colpisce maggiormente gli individui con le difese immunitarie indebolite. I sintomi del piede d'atleta sono molteplici: dalla cute arrossata, all'ispessimento della pelle, al prurito. Le infezioni micotiche, però, non riguardano solo la pelle, ma colpiscono molto spesso anche le unghie dei piedi. In molti casi bisogna persino stare attenti, specie se si parla di una grave onicomicosi: infezioni del genere devono essere trattate il prima possibile con dei prodotti antimicotici per evitarne la propagazione.

Impetigine
Un altro problema simile con cui gli atleti devono fare i conti è l'impetigine. A differenza dell'onicomicosi, che è un'infezione micotica, l'impetigine è un'infezione batterica che interessa principalmente gli arti e il volto ma può comparire anche su altre zone del corpo. Di solito l'impetigine si manifesta attraverso la comparsa di bolle e un'altra caratteristica è quella di comparire spesso in età scolastica. Lo sviluppo della malattia è favorito dalla scarsa igiene e tra i sintomi principali spicca il prurito, che può essere accompagnato dalla febbre, dal malessere e così via. L'infezione tende a decorrere in modo benigno se curato rapidamente e le complicazioni sono rare. La terapia dev'essere a base di antibiotici che aiutino a evitare la propagazione dell'infezione e in alcuni casi si prescrivono anche prodotti antisettici. In ogni caso è importante agire subito e seguire i consigli del medico soprattutto nel caso dei bambini fra i 3 e i 6 anni d'età.

Herpes
Tra le varie infezioni che gli sportivi rischiano di contrarre bisogna ricordare anche quelle virali, in particolare l'herpes labiale e quello da contatto. Ad oggi non esiste una cura definitiva a questa infezione virale, in quanto una minima concentrazione del virus resta sempre nell'organismo. Fortunatamente, lo sport aiuta a combattere l'infezione causata da questo virus, in quanto potenzia il sistema immunitario e aiuta a rilassarsi. L'herpes è un'infezione che si manifesta a seguito di contatto con un corpo infetto: una volta che l'organismo è stato infettato, l'herpes si manifesterà più volte, soprattutto durante i periodi di maggiore stress. Per trattare il problema ed eliminarne i sintomi (il prurito, l'arrossamento della zona colpita) si consiglia l'utilizzo di prodotti antivirali specifici, come le creme allo zinco.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza