Ecoreati, sì del Senato

Il provvedimento torna ora alla Camera

pubblicato il 05/03/2015 in Politica da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Beppe Grillo

Con centosessantacinque sì, quarantanove no e diciotto astenuti la mattina del 4 marzo è passato a Palazzo Madama il disegno di legge  che segna l’ingresso nel codice penale i crimini contro il clima e l’ambiente. Il Senato ha approvato il testo con modifiche, ragion per cui la legge dovrà nuovamente sottoporsi a un passaggio a Montecitorio.

In attesa che i deputati  esaminino il ddl in seconda lettura, c’è un dato politico davvero interessante che emerge dalla votazione di ieri: il Movimento 5 Stelle e Sel hanno fatto fronte comune con la maggioranza. La Lega Nord si è astenuta, mentre Forza Italia ha votato contro.

Prove tecniche di allargamento di coalizione? Azzardato dirlo, ma sul sito di Beppe Grillo, leader dei pentastellati, le lodi al provvedimento sugli eco-reati non si risparmiano: e del resto non potrebbe essere altrimenti, dal momento che i grillini molto hanno contribuito in fase di elaborazione della legge e dunque, legittimamente, la sentono come se fosse loro.
Sul Velino (www.ilvelino.it) si fa un riepilogo esaustivo dei punti qualificanti della legge. Quattro le nuove tipologie di reato introdotte: “disastro ambientale”, “inquinamento ambientale”, “delitti colposi contro l’ambiente” e “traffico a abbandono di materiale ad alta radioattività”. Proprio su quest’ultimo punto si concentra l’attenzione critica (ma in senso buono, per una volta) del sito che è la bibbia dei Cinque Stelle, www.beppegrillo.it.

Qui, in un post pubblicato a poche ore dalla chiusura della decisiva votazione, si nota come, accanto al reato  di traffico e abbandono di materiali ad alta radioattività, venga previsto anche quello di impedimento del controllo teso a garantire lo smaltimento degli stessi. Pene stabilite: nel primo caso da due a sei anni di carcere, nel secondo da tre a sei mesi. Grande attenzione viene riservata dai grillini al concetto di disastro ambientale, a cui viene dedicato un intero passo del post:

In particolare, si configura il reato di disastro ambientale per chiunque causi "alternativamente" una delle seguenti fattispecie: A) l'alterazione irreversibile dell'equilibrio di un ecosistema; B) l'alterazione dell'equilibrio di un ecosistema la cui eliminazione risulti particolarmente onerosa e conseguibile solo con provvedimenti eccezionali; C) l'offesa alla pubblica incolumità, determinata con riferimento alla capacità diffusiva degli effetti lesivi della condotta".

La legge contempla anche la confisca dei beni alle ecomafie.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password