Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L’ex premier Mario Monti annuncia le dimissioni da Scelta Civica. Poi le ritira.

Intanto nel partito soffia un vento nuovo e si guarda al futuro con un “Progetto di cultura politica”

Condividi su:

L’assembla di Scelta Civica tenutasi nel corso della notte appena trascorsa, è stata animata da diverse comunicazioni relative a cambi di vertice all’interno del partito.
L'affidamento del coordinamento politico al Comitato di presidenza, e non più ad Andrea Oliviero che tuttavia continua a farne parte,  ha avuto come diretta conseguenza l’attribuzione a quest'ultimo di un incarico di diversa natura relativo all'organizzazione di un “Progetto di cultura politica” . Ma, a destare particolare attenzione è stata la notizia delle possibili dimissioni del presidente Mario Monti, ritirate, tuttavia, quasi immediatamente per gentile richiesta dei parlamentari.

A scatenare il dibattito, quindi a stimolare il cambiamento ai vertici del Partito, ivi comprese le possibili dimissioni di Monti, pare sia stata la partecipazione di Andrea Oliviero e Lorenzo Dellai ad un convegno di cattolici moderati e dell’Unione di centro. All’interno del movimento politico, in ogni caso, si registra una forte volontà di cambiamento finalizzata a «prevenire spinte centrifughe » e, soprattutto, ad «elaborare una visione di cultura politica nella quale possano coerentemente iscriversi l'Agenda Monti e i suoi necessari sviluppi, in una grande opera di motivazione e di creazione del consenso affinchè in Italia si affermi quell'economia sociale di mercato altamente competitiva che rappresenta l'obiettivo dell'intera Europa».

Nell’accettare il suo nuovo incarico Andrea Oliviero ha infatti dichiarato la propria volontà di creare un gruppo di lavoro destinato ad elaborare le linee guida di un progetto che vedrà il coinvolgimento di tutti gli aderenti oltre che di personalità esterne. Nel gruppo entreranno anche  i senatori Stefania Giannini e Lucio Romano e gli On. Mario Marazziti e Andrea Romano. Mario Monti, nel frattempo, medita sull’addio.

Condividi su:

Seguici su Facebook