Spagna: Il PP tenta la mano al governo per uscire dal "buco" in cui si trova con il Marocco

PP attacca il governo che non è all'altezza in politica interna e estera. Spagna esclusa da "Marhaba". Mancata riunione Alto Livello con Marocco. Manca chiarimento sull'imputato Brahim Ghali accolto con identità falsa

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 09/06/2021 in Politica da Belkassem Yassine
Condividi su:
Belkassem Yassine
Marocco e Spagna

Nel suo intervento di martedì 8 giugno al Congresso dei deputati, Pablo Hispán del Partito Popolare (PP) ha difeso la mozione proposta dal suo partito, chiedendo la ripresa delle relazioni tra Marocco e Spagna, ritenendo che questa iniziativa sia una mano tesa al governo del suo paese, "che continua a scavare il buco in cui si trova". 

La maggior parte dei partiti politici del Congresso spagnolo, ad eccezione del PSOE e Podemos, ha criticato la politica estera del governo condotta dal ministro degli Esteri Aranda González Laya per la crisi con il Marocco. 

Pablo Hispán ha criticato il governo per non essere all'altezza né in politica interna né in politica estera, e ha deplorato che la Spagna sia stata messa al bando nella "operazione Paso del Estrecho" chiamato in Marocco "operazione Marhaba", a seguito della decisione del governo marocchino di escludere i porti spagnoli. Nella sua analisi pubblicata ieri sul sito spagnolo ABC, Antonio Ramírez Cerezo ritiene che la decisione del Marocco avrà un impatto grave sulle imprese spagnole con una perdita stimata di circa 500 milioni di euro e una perdita di migliaia di posti di lavoro, in settori turistico, porti, compagnie marittime, agenzie di viaggio, ecc. Altri osservatori parlano di perdite di miliardi di euro. 

Il leader del PP, Pablo Hispán aggiunge che ciò che è accaduto nelle ultime settimane con il Marocco è stato "particolarmente grave" come "la mancata riunione di alto livello Marocco-Spagna".

Per il fatto che Madrid non abbia presentato a Rabat una spiegazione "ragionevole e credibile" sull'accoglienza con identità falsa a Logroño del capo del Polisario, Brahim Ghali nemico numero uno del Marocco, indagato per una lista lunga di crimini come genocidio, torture, terrorismo e stupri, Hispán ha denunciato: "nessuno ha dato una versione ragionevole e plausibile del perché si è cercato di nascondere la sua presenza all'opinione pubblica spagnola e ai nostri vicini marocchini". 

Ha inoltre denunciato la gestione della crisi da parte della ministra Arancha Gonzalez Laya, sottolineando che essa non è in contatto con il suo omologo marocchino Nasser Bourita e che Laya deve fare appello alla diplomazia francese per aiutarla. 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password