"Intergruppo Pd-M5S-Leu nasce da proposta di Marcucci"

La lettera di Bettini al Riformista

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 24/02/2021 in Politica da Davide La Cara
Condividi su:
Davide La Cara

La lettera di Goffredo Bettini a Il Riformista

Gentile direttore,

nel ragionato e intelligente articolo di Enrico Morando pubblicato ieri sul suo giornale, nel finale vi sono affermazioni che riguardano Zingaretti e il sottoscritto prive di fondamento.

1. Nel corso del governo Conte 2 non ho mai parlato di una alleanza strutturale e strategica con il movimento 5 Stelle. Anzi, non ho mai capito bene cosa questi termini volessero significare. Ho detto, al contrario, che occorreva una intesa politica più forte tra il Pd e i 5 stelle in quanto se si intende governare insieme fino alla fine della Legislatura come era stato dichiarato, avendo in mezzo anche l’elezione del Presidente della Repubblica, occorre non convivere da nemici o avversari ma in un clima di rafforzata collaborazione. Non perché tale collaborazione scaturisca da una necessità strategica epocale, ma per il bene dell’Italia; che non ha bisogno di governi litigiosi, bensì uniti e fattivi.


2. L’attuale discussione sull’alleanza tra PD e 5S riferita al futuro, ha un sapore, per me, difficilmente sopportabile, di posizionamento interno al PD, in vista del Congresso. Nessuno può dire come evolverà la dinamica lacerante nel movimento di Grillo. Cosa sarà tra qualche mese, tra un anno, nel tempo che verrà il movimento 5S, né come il patrimonio di credibilità che Conte continua ad avere, sarà speso da egli nella battaglia politica e democratica. La cosa certa, in questo momento, e ’che il Partito democratico, fondamentale in questi mesi per salvare la Repubblica, scelga un suo profilo più netto ed espansivo . Su questo è evidente che ci sono diverse opinioni nel partito; e, francamente, sento l’urgenza di scegliere una strada chiara. Comunque a prescindere da come si evolveranno i soggetti politici del campo democratico, mi pare evidente che la vocazione maggioritaria del PD non deve portarci a una boriosa autosufficienza. Come è stato in occasione della sonora sconfitta del 2018. Occorre, quindi, in ogni caso costruire alleanze e allargare il campo antipopulista e antisovranista.


3. L’intergruppo tra Pd, 5 stelle e Leu al Senato e ’stata promosso dal capogruppo Andrea Marcucci. Credo per prevalenti ragione d’aula, che non hanno niente a che fare con le future strategie del Partito democratico. Comunque quella che Morando definisce una iniziativa “improvvida e così maldestra” non e ’stata minimamente ispirata dal sottoscritto, che non ne sapeva niente e, che la ritiene un po ’improvvisata.


4. Infine, la linea da me sostenuta di difendere Conte fino alla fine e ’stata votata all’unanimità dagli organismi dirigenti nazionali del partito. Che hanno escluso governi con la Lega e cambi di cavallo rispetto al Premier. Il carattere avventuroso della crisi e ’dimostrato, comunque, dalla scelta d’emergenza che il Presidente Mattarella ha dovuto assumere chiamando in campo una personalita eccezionale come Mario Draghi, che mai in precedenza aveva fatto trapelare una sua disponibilità. Se noi non avessimo tenuto tale linea di fermezza e ci fossimo sfilati dal sostegno al Governo di cui eravamo l’architrave decisivo, si sarebbe creata una situazione di confusione del tutto irresponsabile. Al contrario la nostra coerenza e lealtà rispetto al precedente Governo ha permesso di portare l’insieme dello schieramento democratico a sostegno del tentativo di Draghi. E di permettere persino a Conte, che aveva in tasca la fiducia, anche se fragile, dei due rami del Parlamento, di aiutare con rara generosità ed eleganza politica la formazione del nuovo Esecutivo.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password