Siri: "Pronto a dimettermi entro 15 giorni"

"Non perché colpevole ma per rispetto nei confronti delle istituzioni"

pubblicato il 02/05/2019 in Politica da La Redazione
Condividi su:
La Redazione

"Confido che una volta sentito dai magistrati la mia posizione possa essere archiviata in tempi brevi. Qualora ciò non dovesse accadere, entro 15 giorni, sarò il primo a voler fare un passo indietro, rimettendo il mio mandato, non perché colpevole, bensì per profondo rispetto del ruolo che ricopro". Così il sottosegretario ai Trasporti leghista Armando Siri indagato per corruzione in una nota stampa.

"Dal primo momento - prosegue - ho detto di voler essere immediatamente ascoltato dai magistrati per chiarire la mia posizione. La disponibilità dei magistrati ad essere ascoltato c'è e confido di poterlo fare a brevissimo. Sono innocente, ribadisco di avere sempre agito correttamente, nel rispetto della legge e delle istituzioni, e di non avere nulla da nascondere. Proprio per questo, vivo questa situazione con senso di profonda amarezza".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password